Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

Cosa c'è di nuovo?
"Silenzi" di Arnaldo Pettazzoni

"Silenzi" di Arnaldo Pettazzoni

680 10

"Silenzi" di Arnaldo Pettazzoni

di Arnaldo Pettazzoni

Commenti 10

  • Maricla Martiradonna 08/03/2010 18:02

    RISPOSTA DELL'AUTORE A ERASMO PERANI:
    "Erasmo, scusami del lieve ritardo... Come già scritto la foto è una stampa analogica in b/n su carta baritata, in un formato 24x30 da cui ho ricavato un file tramite scansione, si avvicina molto all'originale come tonalità e contrasto, anche se per un informatico evoluto i difetti nella digitalizzazione... scavandoci dentro... possono risultare evidenti, ammetto che di meglio personalmente non sono riuscito a fare con il topo.
    La luce era di una intensità accecante, ne feci tre di scatti per un'insicurezza nel risultato, e quello pubblicato era il migliore dei tre, il negativo risultò con saturazione elevata, dovetti usare un contrasto basso del foglio di carta baritata, la numero due delle 5 che avevo a disposizione.
    Ecco la morbidezza, la lieve pastosità, poi il tutto rimane soggettivo, unica cosa che posso dire è che quello che si impressionò nel negativo lo stai vedendo, non ho tolto o aggiunto niente. Ti ringrazio per l'interessamento, sono sempre a disposizione tua per ulteriori chiarimenti".
  • Francesco Torrisi 04/03/2010 16:24

    Condivido quanto detto sopra sulla qualità di riproduzione, mentre sullo scatto in se mi sento vicino a quanto esposto da Giorgio.
    Noto come in questo scatto il contrasto ha una resa "classica" da pellicola...il digitale reagendo in modo più esasperato, avrebbe potuto avere: o più bianchi bruciati o neri molto pieni nelle zone d'ombra. Questo tipo di dinamica e di reazione meno violenta ai livelli estremi di luce è l'unica cosa che nostalgicamente rimpiango della buon vecchia pellicola rispetto al digitale...null'altro.
  • Carlo Pollaci 04/03/2010 15:28

    Il mio intervento si è sovrapposto a quello dell'Autore.
    La digitalizzazione è allora la causa dei difetti che presenta la foto. Consiglierei di settare lo scanner lo scanner ad almeno 16 bit (meglio sarebbe 24) e scansionare ad almeno 300 dpi.
    Se questo è il pieno fotogramma, dal punto di vista compositivo si avrebbe un migliore equilibrio rifilando qualcosina a sx (suppergiù fino all'ombra del gancio) e qualcosina in basso (tanto quanta basta per riguadagnare il formato 3:2).
  • Francesco Marino 04/03/2010 15:02

    Be',mi pare strano che una digitalizzazione produca un file di 900x534,senza croppare...ma tutto e' possibile,e se sbaglio gradirei saperlo.....questo e' il male minore,ma che comunque riveste la sua importanza in termini di resa qualitativa finale
    una potenziale buona foto,ripeto,a mio parere,con una post migliorabile
    forse in fase di scatto avrei aperto leggermente di piu',staccando un po' l'alberello dal casolare,ma qui scendiamo nel campo (minato) dei gusti personali
  • Carlo Pollaci 04/03/2010 14:53

    La foto è potenzialmente buona/molto buona.
    Il post, vuoi per la compressione, ma probabilmente anche per qualche "maschera" troppo spinta, non le rende giustizia: soprattutto le pixellature del suolo sono evidenti.
    Dal punto di vista compositivo, è perfettibile: secondo me manca spazio sulla dx.
  • Maricla Martiradonna 04/03/2010 14:48

    INTERVENTO DELL'AUTORE:
    "Chiarisco una cosa importante che ho trascurato omettendola nel pubblicarla: la fotografia è una stampa analogica digitalizzata.
    Un parziale controluce con due stop di sovraesposizione manualmente gestito, fatta in un momento in cui la luce non premiava la ripresa, ma era tanto suggestiva da farmi tralasciare la penalizzazione di essa.
    Ne feci tre di scatti, avevo tutto il tempo, questo è il migliore dei tre".
  • Giorgio Bisetti 04/03/2010 14:37

    Una foto che ...attira e si fa piacevolmente osservare. La luce e' fortissima e le ombre non possono che essere dure, secche, quasi tirate con una riga. La pianta secca non mi disturba, anzi personalizza l'intera scena. Forse l'avrei stretta di piu' sulla casa lasciando solo intendere l'esistenza dello spazio a destra. Pero' la trovo niente male!
  • Francesco Marino 04/03/2010 14:27

    La scarsa qualita' del file,probabile crop o compressione troppo accentuata,non ci permette di godere appieno di quest'immagine...anche sul cielo in alto a sx,evidenti segni di "ripetizione" lasciati da una clonazione un po' frettolosa....uno scatto potenzialmente buono,in termini di taglio e soggetto,non valorizzato da una post all'altezza
  • Carlo Atzori 04/03/2010 11:54

    Una foto fatta ad earte e lavorata in post in maniera molto discutibile.....se si tratta di un lavoro di scanner, almeno così mi sembra, tutto potrà essere risolvo con un lavoro di post più preciso, se si tratta di digitale il problema è molto più grave....Diciamo che c'è la mano esperta in fase di composizione, scelta del soggetto, del punto di ripresa, si nota l'eleganza e la classe indubbia, mi piace molto la continuità geometrica del lavoro di scelta compositiva, tutto rimane molto equilibravo, scelto perfettamente....peccato solo questo bianco e nero un pò pastoso e molto sbilanciato....sarebbe sta un vero capolavoro.
    I miei complimenti all'autore/autrice.
  • laura fogazza 03/03/2010 21:19

    ...titolo, soggetto e composizione....mi piacciono molto....molto meno mi piace il tipo di bn realizzato....