2.905 17

Marco Lascialfari


Free Account, Prato

F A N D A N G O

Devo fare una precisazione riguardo questo scatto, purtroppo presenta un difetto enorme anche se nel formato ridotto è meno visibile, ma la foto non è perfettamente a fuoco e questo è un problema serio.
Purtroppo quando la natura ti concede uno scatto in modo del tutto naturale, fatto in mezzo ad una ciottolaia alle sponde di un torrente, ti capita una sola possibilità e questa deve essere colta al volo.
Inutile attaccarsi al freddo o altri agenti atmosferici, lo scatto doveva essere fatto bene e io non l'ho fatto, mi scuso per questo ma lo posto ugualmente perchè questa composizione naturale mi fa letteralmente impazzire.


Buona visione

http://www.marcolascialfari.it/

Commenti 17

  • Cobrak 11/02/2012 13:09

    Magnifica!:-)
  • Federico Orsi 08/02/2012 21:59

    Stupenda e raffinata composizione... Complimenti!!! Ciao Federico
  • Fiorenzo Fallanti 08/02/2012 13:46

    ...BRUTTO mostro, ma questa dove l'hai scattata...S T U P E N D A...
  • piero villanello 07/02/2012 23:48

    Stavolta ti perdono !!!!!!
    Ciao grande Marcuzzo
  • Mariana Magnani 07/02/2012 23:16

    Un’esperienza irrinunciabile:
    la conoscenza estesa e ravvicinata.

    La vera poesia.

    Pur nella varietà dei toni, delle forme e degli esperimenti,
    la tua poesia sembra governata da una potente forza centripeta, e proprio per questo comunica un’idea di saggezza.


    i crismi di una ricerca dell’umano, quasi un’epica dell’ascolto degli altri. Il mondo da restituire con una tonalità, cercando una musica del cuore


    E’un flaneur del pensiero: dello scavare in sé come nelle cose.
    Nelle diverse "storie" e situazioni che descrivi
    segui il filo della realtà con una libertà che assomiglia a quella
    degli aquiloni nelle mani di un bambino.

    Molte cose diventano il pretesto per far fare alla mente che percepisce e racconta
    un lungo piano sequenza che tra presente e memoria, tra flash aneddotici e riflessioni sulla vita, mostra sia il romanzo sia il romanziere-regista che lavora. La memoria diventa liquida: si sfalda nel tentativo di riafferrare un quid perduto nel tempo, ricollocando nel tempo e nella storia qualcosa che al tempo sembra non appartenere e neppure alle categorie della storia.
    Immerso nel tuo tempo (se non fosse un’etichetta direi che sei uno dei pochi autori “impegnati” veramente),
    scavi nel sottopancia del quotidiano teorico; riaffondi nel sapore di un'epoca con il dettaglio splendente:
    un frammento che si trasforma in allegoria, ma in modo a volte spiazzante altre volte sospeso.
    Un dettaglio si dilata fino a diventare preludio di un universo: non piccole cose; non il minimalismo (anche questa è una parola trasformata in etichetta).

    Il repertorio è ricco. Spesso serve solo un dettaglio e la storia deborda, con un lascito steso a perdere il filo apparente, ma a rivelarne un segreto:

    è il pensiero che si applica alla realtà, la consuma, la corrode da vicino, la incalza con i suoi paradossi.

    Il filo continuo dei pensieri è come il tratto di quei disegnatori abili a creare una figura senza mai staccare la matita dal foglio.
    Alla fine una figura emerge come vista “dall’alto”.
    Detto questo, lo sguardo però resta vivo sulla densa varietà del mondo
    Frammenti scintillano intorno, creando un’onda che modifica il nostro sguardo sulle cose e assegna loro un’aura diversa.
    Ed è questo che chiediamo ad un artista.


    G r a z i e


    Mariana
  • DANIELA Pasquetti 07/02/2012 22:00

    Ovvia abbiamo sdoganato il non a fuoco
    bene...
    D'altronde di fronte alla perfezione della Natura
    l'imperfezione umana è quasi una condizione
    inevitabile!
    :D
  • Stefano Rami 07/02/2012 21:09

    Non sarà a fuoco.... ma scalda tantissimo la vista.
    Stupenda!!!!!!!!!!!!!!
    Ciao.
  • Bruno Vallarin 07/02/2012 19:08

    Sono sempre dell'idea che la natura, con la sua casualità, è la miglior artista.
    Bruno.
  • Daniele Selce 07/02/2012 18:33

    un colpo d'occhio di chi osserva,bella composizione,e come dice Renzo io il difetto non lo noto,sarà anche per questo che non faccio foto come le tue!!!!ciao
  • Ottoinve 07/02/2012 16:29

    Ma dai! Ho gufato e tu hai sbagliato?
    Ma non ci posso credere. hahaha.

    Ma dai, se i difetti fossero solo questi Fc non avrebbe quasi foto. :-)
  • Sergio Storai 07/02/2012 15:18

    Ma te la sei tirata una martellata sul dito indice dopo?
    >)
  • Antonio Morri 07/02/2012 15:13

    Sei talmente pignolo che se tu fossi un vigile ti faresti un verbale ogni volta che passi piano sopra una zona di divieto di sosta! :-))
    A me sembra bellissimo così!!!
    Antonio
  • MAURIZIO GAETANO 07/02/2012 14:54

    Fantastica , sempre meglio .Ciao.
  • Renzo Baggiani 07/02/2012 14:24

    Composizione di forme e colori gradevolissima. Non noto il difetto di cui parli e quindi nonc'è neanche il relativo conseguente disturbo.
    Se non pensassi questo te lo direi, perché non sono assolutamente d'accordo che certi difetti non contino perché conterebbe solo cogliere l'attimo... Ci mancherebbe anche questa!. Che cosa è l'arte fotografica se non la bellezza tecnico/compositiva di un linguaggio?! Ciao Marco ... Bravo!
  • F. Francesco Vazzano 07/02/2012 12:57

    Sembrano tre barche in un porto completamentte ghiacciato......

Informazioni

Sezione
Cartelle Astrazioni
Visto da 2.905
Pubblicato
Lingua
Licenza

Exif

Fotocamera NIKON D3
Obiettivo ---
Diaframma 22
Tempo di esposizione 0.5
Distanza focale 200.0 mm
ISO 200