Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

Meinolf Wewel


World Membro, Denzlingen

Commenti 2

  • Meinolf Wewel 15/05/2009 10:29

    Caro Ermanno,

    con tutta cordialità ti ringrazio per avermi inviato una tua poesia "Tracce nella neve" che profondamente mi commuove.

    Meinolf
  • Ermanno Bartoli 29/04/2009 0:12

    Gentile Meilnolf,
    i miei più sentiti complimenti per questa e per altre foto che trovo artisticamente toccanti... alcune in modo molto particolare.
    Non so quanto conosce l'italiano ma spero bene.
    Le invio una mia vecchia poesia su "altre" impronte.


    IMPRONTE SULLA NEVE

    Nell'albe invernali
    dei primissimi anni settanta
    ve n'erano dodici...
    dodici paia d'impronte di ragazzi
    messe una dietro l'altra,
    ad inseguirsi
    e rincorrersi verso la scuola,
    in un baluginio di suole e ghiaccio
    nei pressi la fermata del tram.
    L'anno seguente, però,
    quelle, già, erano diventate undici;
    Aldo non stava bene,
    e non era andato.
    L'anno appresso ancora -
    il settantacinque -
    il cuore di Massimo si fermò
    per una puntura bianca e strana,
    sottile e disperata
    direttamente in vena.
    E le paia d'impronte diventarono dieci.
    E Aldo ancora non stava bene.
    Poi venne il settantasei
    con le sue gelate e la sua avarizia di neve,
    e non lasciò quasi segno.
    Nel gennaio del settantasette
    ci fu una nevicata memorabile,
    ma intanto le impronte
    erano diventate nove...
    Gianni non ce l'aveva fatta;
    anche per lui un'iniezione bianca.
    Entro l'ottanta
    se ne andarono nell'ordine...
    Milo
    per un'overdose,
    Cesare
    per un cappio intorno al collo
    (dopo aver lasciato un biglietto)
    e Vincenzo,
    per dei fumi di scarto nell'abitacolo.
    Le impronte erano diventate sei,
    non più verso la scuola,
    e intanto Aldo alternava momenti meglio
    ad altri peggio.
    Non usciva quasi mai.
    Uscì quella volta -
    era la primavera dell'ottantadue -
    per accompagnare nel suo ultimo viaggio
    l'amico Loris...
    E quell'altra, tre anni dopo,
    per accompagnare Fausto;
    portato via da uno strano virus mortale.
    Alle soglie del novanta
    Aldo c'era ancora,
    anche se ormai era diventato irriconoscibile;
    di lui dicevano che aveva l'esaurimento.
    Intanto...
    della serie di impronte alla fermata del tram,
    di quelle poche che sarebbero rimaste
    e di quelle altre svanite per sempre,
    s'era perso il ricordo,
    e difficilmente si sarebbe trovato qualcuno
    disposto a rinfrescare le memorie.
    La rimozione è una pessima arte.
    (Dicembre - 1995)


    Ermanno Bartoli

Tag

Informazione

Categoria Temi
Cartelle italiano
clic 295
pubblicato
licenza

Preferite pubbliche 1