Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

Nicolò Salerno


Pro Membro, Palermo

...Oscure Presenze......

---- L'amaro caso della Baronessa di Carini ---
Donna Laura Lanza di Trabia, figlia di don Cesare Lanza conte di Mussomeli e Lucrezia Gaetani, fu moglie di Vincenzo La Grua - Talamanca, signore e barone di Carini (paese a 26 km da Palermo).
Nata il 7 ottobre 1529, Laura fu costretta dal padre a sposare il 21 settembre 1543 a soli 14 anni il nobile don Vincenzo La Grua, figlio del barone di Carini.
Secondo la leggenda venne barbaramente uccisa il 4 dicembre 1563 dal padre, perché trovata nel castello assieme al suo amante, Ludovico Vernagallo, compagno di giochi d'infanzia.
La stanza dell'assassinio, situata nell'ala ovest del castello, è crollata completamente e si narra che su una parete vi fosse l'impronta insanguinata della baronessa. Adesso tutto ciò che resta della leggenda sono: il fantasma di Laura, che si dice si aggiri ancora senza pace nel castello e in una delle metope del torrione principale, proprio in direzione del luogo ove sorgeva l'ala ovest, è scolpita una mano.
Il delitto rimase impunito, dal momento che era lecito uccidere per onore.
Nell'archivio della chiesa Madre di Carini si conserva l'atto di morte, che assieme alla lettera che il padre Cesare inviò al Re di Spagna per giustificare il suo gesto, dettato dalla necessità di salvare l'onore della famiglia, costituiscono testimonianza dell' efferato delitto.
(Tratto da Wikipedia)
La Rai diversi anni fa, ha mandato in onda il film. Quest'anno sono state girate le scene del nuovo film che verrà trasmesso presumibilmente a settembre/Ottobre.
I cantastorie, usavano portare in giro la storia con queste parole:

Chiangi Palermu, chiangi Siracusa
a Carini c'è lu luttu in ogni casa

Attornu a lu Casteddu di Carini,
ci passa e spassa un beddu Cavaleri
Lu Vernagallu è di sangu gintili
ca di la giuvintù l'onuri teni.

Viu viniri la cavalleria
Chistu è me patri chi vini pi mia
Tutto vestuto alla cavallerizza
Chistu è me patri ci mi veni ammazzà
Signuri patri chi venisti a fari?
Signora figghia, vi vegnu ammazzari...

Lu primi colpu la donna cadiu,
l'appressu colpu la donna muriu...
Un corpu 'nto cori un corpu ntra li rini
povira Barunissa di Carini.
(Tratto da wikipedia)

Commenti 5

  • Marco Lupotti 05/08/2007 13:27

    Veramente inquietante.. Molto bella. Eh già, chi se lo dimentica lo sceneggiato! Ricordo che ha turbato i miei sonni di bambino.
    Marco
  • Monique Leone 04/08/2007 16:08

    bella....e....misteriosa....
    molto bravo
  • Tommy Ferrante 04/08/2007 14:58

    Ricordo lo sceneggiato della RAI che andò in onda negli anni '70 che era in b/n, come la tua foto.
    Bravo Nicolò, ottima rivisitazione di una fatto tragico e misterioso.
  • Margherita Vitagliano 04/08/2007 13:24

    Nemmeno io conosco la storia ...ma la foto mi piace....
  • Giuseppe Cinà 04/08/2007 3:27

    Una foto molto inquietante... soprattutto conoscendo la storia della baronessa di Carini...
    Hai fatto un lavoro davvero eccellente per ricreare tutta la suggestione e l'atmosfera misteriosa che aleggia in questa triste storia... sembra proprio un fantasma!
    Bellissimo lavoro, complimenti.
    Ciao, Pè