Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Cosa c'è di nuovo?

kelisa


Free Membro

My In_TErior Red

.










Carboni ardenti al vento del Nord [My In_TErior Red]


Il Dolce e l’ Amaro: bere un caffè amaro e poi mandar giù un cucchiaino di miele.
Fare il contrario: il Dolce risulterà più dolce, l’Amaro più amaro.
Così come una Parolaccia seguita da un Bacio. Uno schiaffo dopo una carezza.
Il Caos è più assordante dopo il Silenzio. La Quiete, più mistica dopo il Frastuono.
L’Amore è più Amore dopo l’ Odio. L’Odio è più Od..... Eh no!
Eh no. L’Odio non è ancor più Odio dopo l’Amore. Dopo l’Amore, diviene anch’esso Amore.
Perdindirindina. Accipicchia. Toh! I conti non tornano.
Ma allora come si fa ad odiare dopo che si è tanto amato?!
La rabbia morde lo stomaco quando ci si trova dinanzi a tale domanda.
Sì perché a volte vorremmo fortemente che l’Amore generi l’Odio.
Si vorrebbe tanto odiare per non amare più.
Di solito, sembra esser la soluzione migliore per allontanare questo sentimento.
Ci si sforza a cambiar le cose, a guidar la mente in modo razionale... ma tutto pare inutile.
Ogni pugno dato al muro, ogni lacrima gettata via sembra non smuovere nulla.
Non bastano le serate con gli amici a discutere di quale sia l’abbinamento di colori più bello.
Non servono le interminabili risate davanti allo sbadiglio di un gatto.
Non aiutano le cantate a squarciagola mentre si trema dal freddo.
... Torni a casa, più solo che mai, e t’accorgi che, in fondo, ami ancora.
Accipicchia. Perdindirindina. Opperbacco.
Allora si tenta un’altra strada... quella di allontanare l’Amore dai ricordi.
Ma, spesso, questa opzione sopraggiunge ancor prima di quella spiegata finora.
Forse perché sembra, dapprima, la più semplice, la più realizzabile.
Inevitabilmente, ci si rende conto che è stata solo una semplice illusione e si finisce con il desiderare,
appunto, sentimenti di rifiuto, di rancore, di disprezzo... sentimenti di odio.
Poi si tenta, disperatamente, di stravolgere la propria personalità,
inventandosi un altro “Io”,
un altro stile di vita che vada a sbattere violentemente con quello che hai avuto fino a quel momento.
La mattina ti è indispensabile il caffè?! Bene.
Ora il caffè lo bevi solo dopo le 20:00.
Guidi solo se hai inserito nello stereo il cd di Bob Dylan?!
Ora hai nel cruscotto tutta la discografia di Celine Dion.
La TV la guardi solo per il TG e Salotti politici?
Ora il lunedì sera stacchi il telefono per goderti in pigiama la diretta del Grande Fratello.
Inutile.
Inutile.
Inutile!
Anche questo metodo risulterà inefficace.
Porterà solo all’indebolimento della propria autostima.
A questo punto non si può che vedere LA soluzione:
Considerato che non lo si può distruggere, l’Amore va coccolato.
Va preso per mano e portato sempre con se.
Con la pioggia o con il sole, esso va messo in tasca,
così come si fa con un bottone caduto dalla giacca.
L’Amore va amato.
Amare l’Amore è il rimedio.

Carboni ardenti al vento.
Sì: sembra che si cammini lentamente su carboni ardenti al vento del Nord.
Ma basta stringere i denti e chiudere forte gli occhi che si riesce addirittura a danzare.










.

Commenti 21