Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Cosa c'è di nuovo?

Barbara Patricolo


Free Membro, Napoli - Roma

Bugnato minaccioso...

Piazza del gesù Nuovo
Facciata della chiesa
con epigrafe marmorea di Novello da San LucanoNel Rinascimento esistevano a Napoli alcuni maestri della pietra che si credeva fossero in grado di caricarla di energia positiva per tenere lontane le energie negative.
I strani segni incisi che si riconoscono sulla facciata ai lati delle bugne "a punta di diamante" - che sembra si ripetono secondo un ritmo particolare che lascia intuire una “chiave” di lettura occulta - hanno dato luogo ad una curiosa leggenda.
Pare che chi ha edificato il palazzo (che a questo punto bisogna presupporre sia stato Roberto Sanseverino), abbia voluto servirsi in fase di costruzione di maestri pipernieri che avevano anche conoscenza di segreti esoterici (segreti tramandati solo oralmente e sotto giuramento dai maestri agli apprendisti), capaci di caricare la pietra di energia positiva. I segni misteriosi graffiti sulle piramidi della facciata hanno a che fare con queste arti magiche o conoscenze alchemiche. Essi dovevano convogliare tutte le forze positive e benevoli dall'esterno verso l'interno del palazzo. Purtroppo per imperizia (o per malizia) dei costruttori, queste pietre segnate non furono piazzate correttamente, per cui l'effetto fu esattamente opposto: tutto il magnetismo positivo veniva convogliato dall'interno verso l'esterno dell'edificio, attirando così ogni genere di sciagure sul luogo.
Questa sarebbe la ragione per cui nel corso dei secoli tante sventure si sono abbattute su quell'area: dalle confische dei beni ai Sanseverino, alla distruzione del palazzo, dall'incendio della chiesa, ai ripetuti crolli della cupola, alle varie cacciate dei Gesuiti, e così via

Commenti 12