Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

Soggetti / .Mostra online / Archivio Mostre

199. Alessandro Rovelli

Mostra online di Alessandro Rovelli: "Polarizzare Roussillon".

C'è tutto il gusto della "bella fotografia" nella elegante mostra online di questa settimana, presentata da Alessandro Rovelli: una passeggiata a Roussillon, borgo provenzale circondato da giacimenti d'ocra a cui la diversa luce del giorno nel corso delle ore regala tutte le gamme cromatiche che vanno dal giallo al violaceo, caro a Cézanne.
Le forme solide e imponenti delle rocce colorate sovrastano le figure umane, che nelle fotografie di Alessandro arricchiscono il paesaggio solitario con ulteriori macchie di colori vividi e netti. Ne risultano composizioni armoniose e calibrate, classiche, percorse e legate dal senso del colore e della sua presenza poderosa e vivificante: naturale e artificiale si giustappongono, con serena ironia. E a volte, come nella fotografia della bimba che si rotola felice nella polvere dorata, che chiude la serie, tentano una giocosa, entusiasta fusione.
Alessandro vi presenta così il suo bellissimo lavoro:

"Polarizzare, saturare, enfatizzare... per uno smanettone del colore Roussillon (Francia) può essere un richiamo irresistibile.
Polarizzare vuole anche dire attirare l'attenzione... nel mio caso l'intento è di dare visibilità a questa località unica e davvero particolare dove è quasi impossibile resistere alla tentazione di spremere ogni singolo pixel di colore dal sensore della fotocamera.
Una ricerca estetica e poco più, dove ho cercato di valorizzare tinte e persone.
Se per sbaglio passate da Roussillon fate una capatina al Conservatorio degli Ocra e dei Pigmenti, da dove è stata presa la prima fotografia. Le altre sono tutte frutto di una rigenerante passeggiata nel sentiero dell'Ocra, dove con poca fatica vi potrete concedere una "indigestione cromatica".
Prego, andate: il biglietto l'ho già pagato io e vi offro pure (virtualmente) il digestivo... nel mentre vi ringrazio infinitamente per l'attenzione..." (Alessandro Rovelli).
11 Foto | Pagina 1 di 1