Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

1.063 1

Alberto Angelici


Pro Membro, Bologna

MALTA 1

Alcuni mesi fa mi è capitato di andare a Malta per lavoro nel corso di un fine settimana: il breve reportage che vedete è il frutto del poco tempo che potei dedicare a La Valletta e a Birgu, la localita' nella quale alloggiavo e che si trova di fronte a La Valletta.

La città trasmette subito un senso di calore e di luce. Ciò si deve alla pietra utilizzata per la maggior parte degli edifici, chiara come l'impasto di un pane ben lievitato, che conferisce ad ogni angolo grande luminosita'. Camminando per le strade l'atmosfera è quella tipica mediterranea, ricordando a tratti la Sicilia, a tratti il medio-Oriente e Paesi come il Libano. L'uso assai frequente di chiudere i terrazzini fino a farli assomigliare a delle bowindows aggiunge, invece,una nota mittel-europea.

Anche se il turismo sembra non mancare, in molti quartieri si ha la sensazione di un'economia in grosse, ataviche difficoltà. Sembrano confermarlo le tante, vecchie botteghe, molte non più in uso, quasi tutte fatiscenti, davanti alle quali pare che il tempo si sia fermato agli anni '50, case abbandonate e, perfino, le tracce dei bombardamenti che la citta' dovette sopportare negli anni della Seconda Guerra Mondiale.
Questo senso di abbandono che a volte si respira, paradossalmente accentua il fascino de La Valletta, assieme al continuo contrasto tra le facciate eleganti dei palazzi borghesi e le strutture potenti ed essenziali dalla chiara origine militare edificate a difesa del porto, tutte pero' accomunate dalla medesima pietra bionda.

I volti, facilmente inclini al sorriso, come la lingua e la cadenza, ricordano anch'essi la Sicilia e ci rammentano che una buona parte della popolazione proviene proprio da quella regione, lontana poco piu' di 80 chilometri.
Non fa eccezione la gastronomia, uno stuzzicante miscuglio di siciliano, nord-africano e mediorientale, che si puo' gustare nei ristorantini che s'affacciano sul porto. Tanti i bar con tavolini all'esterno, a significare l'abitudine tutta mediterranea, di indugiare in chiacchiere sorseggiando un caffè con gli amici. Il clima è mite e anche l'inverno piu' freddo non fa abbassare il termometro sotto i dieci gradi.

Un'isola, Malta, che per la sua posizione geografica ha sempre rappresentato una delle porte di collegamento tra Europa, Asia e Africa; un vantaggio, questo, per la facilita' dei commerci, ma anche fonte di sofferenze e disagi per la sua gente che nei secoli ha spesso dovuto patire invasioni e razzie.

Commenti 1

Informazione

Sezione
Visto da 1.063
Pubblicato
Lingua
Licenza

Exif

Fotocamera Canon EOS 5D Mark II
Obiettivo 229
Diaframma 4
Tempo di esposizione 1/160
Distanza focale 31.0 mm
ISO 100