Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Cosa c'è di nuovo?
1.022 9

Fabiana Raimo


Free Membro, salerno

Commenti 9

  • Fabiana Raimo 26/05/2012 18:34

    Sono molto contenta di aver ricevuto il tuo parere,da professionista quale sei :) e tutte le opinioni sono ben accette,fai un gran lavoro che aiuta tantissime persone e ragazze in difficoltà. Ho conosciuto anche io ragazze purtroppo in questa situazione e capisco perfettamente e nella mia vita non ho mai giudicato scelte del genere,ma ho maturato delle personali idee e che nel mio piccolo porto avanti sempre nel rispetto degli altri e senza nessun pregiudizio anche perchè io non sono nessuno per farlo. E' stato un piacere :)
  • Garbo 25/05/2012 20:50

    "Il cappio purtroppo rappresenta quello che è un dato di fatto ...".
    "Contro il positivismo, che si ferma ai fenomeni: 'ci sono soltanto fatti', direi: no, proprio i fatti non ci sono, bensì solo interpretazioni. Noi non possiamo constatare nessun fatto 'in sé'; è forse un'assurdità volere qualcosa del genere. 'Tutto è soggettivo', dite voi; ma già questa è un'interpretazione, il 'soggetto' non è niente di dato, è solo qualcosa di aggiunto con l'immaginazione, qualcosa di appiccicato dopo. E' infine ancora necessario mettere l'interprete dietro l'interpretazione? Già questa è invenzione, ipotesi". (F. W. Nietzsche, Frammenti postumi 1885-1887).
    Non è mia intenzione discutere oltre su questo argomento, ho lavorato come psicologo e psicoterapeuta presso un ospedale, ho ascoltato centinaia di storie più o meno drammatiche di donne che venivano intenzionate ad interrompere la loro gravidanza, ho cercato di capire il loro dolore, ho cercato di far luce insieme a loro sui motivi di questa scelta, non ho mai dato consigli, ho cercato di superare i miei pregiudizi per comprendere meglio ciò a cui assistevo, ma soprattutto ho imparato ad avere un profondo rispetto per le persone e per le loro scelte: qualunque esse siano.
    Grazie anche a te per avermi dato la possibilità di esprimere queste brevi e semplici parole in un contesto diverso da quello in cui sono solito farlo.
  • Fabiana Raimo 25/05/2012 18:44

    Il cappio purtroppo rappresenta quello che è un dato di fatto,dato che l'aborto scientificamente comporta lo stroncare cellule che portano inevitabilmente ad una vita,può essere brutale ma oggettivamente è quello che accade.Nessun imperativo,o monito,ma solo un'idea che si porta avanti.Grazie per la tua opinione Garbo :)
  • Garbo 25/05/2012 11:55

    Poiché questo non è un forum atto al dibattito e si occupa di fotografia, non mi pare il caso di intervenire dicendo ciò che penso sulla vita e sull'aborto. Do la mia valutazione sull'immagine che posti: la trovo un po' macabra con quel cappio intorno al collo del feto e trovo imperioso/imperativo e vagamente colpevolizzante il "No aborto" che fa da didascalia.
    Un saluto
    Francesco
  • paola Ebasta 13/08/2010 14:35

    tema sempre attuale..condivido pienamente.....
    piacer di conoscerti
    Paola ;-)
  • laura fogazza 05/08/2010 12:09

    ...concordo pienamente con Samanta....a tutti e sempre deve essere dato il diritto di scegliere...

    complimenti per la civiltà del confronto....

    laura :-)))
  • Fabiana Raimo 03/08/2010 17:15

    Per fortuna mia madre non l'ha pensata così con me..altrimenti non sarei qui (:
    rispetto le vostre idee,la mia l'ho già espressa attraverso la foto,cmq mi fa piacere di aver potuto conoscere le vostre opinioni che sono sempre ben accette!
    Ciao a tutti
  • laura fogazza 03/08/2010 12:07

    ...la vita è sacra...non tanto (o non solo) perché "opera" di qualcuno o qualcosa...ma perché è in noi e "siamo noi la vita"....uccidere vuol dire...uccidere una parte di noi...

    ...detto questo, però, condivido l'affermazione di Antonio...rispetto, ma la penso in tutt'altro modo...

    1)....di quale vita stiamo parlando...di quella che ancora non c'è o di quella della donna?
    2)....ci siamo dimenticati delle donne che morivano per gli aborti clandestini??...non è sacra la loro vita?
    3) solo chi mette al mondo una vita...può decidere se farlo o no...la decisione definitiva è assolutamente della donna e di nessun altro...né chiese, né stato, né parenti o compagni...
    La donna NON è una FATTRICE di figli...
    4)...in uno stato laico le leggi devono garantire il rispetto ed i bisogni di tutti...anche di quelli che non la pensano come la/le chiese o la/le religioni...
    5) dire di no ad una vita per una donna è sicuramente una cosa straziante...ancor più straziante è senza dubbio l'aborto....non dimentichiamolo aggiungendo colpevolizzazioni al dolore!!!

    ...lottiamo invece per una sessualità consapevole e sana...che prevenga la violenza (di ogni genere) da secoli perpetrata sul e contro il corpo (e non solo) delle donne!!!

    laura
  • Gianluca Comparelli 02/08/2010 14:18

    molto bello il messaggio che condivido.

    ciao