Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Direttamente dal mio giardino

Direttamente dal mio giardino

1.559 5

Marco Lascialfari


Free Account, Prato

Direttamente dal mio giardino

- La Aloe é una pianta appartenente all'ordine delle fanerogame, della famiglia delle liliacee e della specie delle aloinee (=che produce aloina) con circa 280 categorie e 3700 specie, insieme alla cipolla, l'aglio, l'asparago ecc. Esistono circa 300 specie differenti di Aloe pero solo alcune sono di riconosciuta efficacia: la Aloe Vera, la Aloe Perry Baker (Aloe soccotrina) e la africana miller (Aloe ferox miller). Il nome Aloe é la versione latina della parola araba alloeh, siria alwai e ebrea halal, che significa "sostanza amara brillante" e si riferisce alla linfa presente nella foglia, sotto la dura pelle.
Delle virtú di questa pianta hanno parlato le piú antiche culture come la egiziana e mesopotamica in medio oriente, la greca e italiana nel mediterraneo, indiana, africana, ecc. La pianta é conosciuta in Asia e nel Pacifico ed é presente nella cultura giapponese, filippina e hawaiana.
Il primo documento sul valore medicinale dell'aloe fu trovato nei "papiri Ebers", scritti nel 1500 a.C., nel quale si descrivono 12 differenti formule per mescolare la pianta con altri ingredienti per la cura di varie malattie.
Gli antichi egizi consideravano la Aloe come la pianta dell'immortalitá e la includevano nei regali funerari dei faraoni. Si utilizzava anche per imbalsamare i cadaveri. La regina Nefertiti si bagnava nel latte di capra mescolato con Aloe. Per i Greci era simbolo di bellezza, pazienza, fortuna e salute. I Tuareg la chiamavano "giglio del deserto" e gli abitanti dell'antica Mesopotamia decoravano la porta delle proprie case con foglie di Aloe come protezione. Nel 1500 fu esportata in America dai conquistadores e i missionari e cominció cosi la sua coltivazione nell'area dei Caraibi, specialmente nell'isola Barbados, da cui il nome "barbadensis". -
- Nikon D200 -

Commenti 5