Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Cosa c'è di nuovo?
691 3

Curva

Uno dei miei primi risultati in HDR. Si tratta della strada panoramica del Pratomagno, versante valdarno.

Commenti 3

  • Mariana Magnani 20/01/2011 22:19

    Curva minore

    Perdimi, Signore, che non oda
    gli anni sommersi taciti spogliarmi,
    si che cangi la pene in moto aperto:
    curva minore
    del vivere m'avanza.

    E fammi vento che naviga felice,
    o seme d'orzo o lebbra
    che sé esprima in pieno divenire.

    E sta facile amarti
    in erba che accima alla luce,
    in piaga che buca la carne.

    Io tento una vita:
    ognuno si scalza e vacilla
    in ricerca.

    Ancora mi lasci: son solo
    nell'ombra che in sera si spande,
    né valico s'apre al dolce
    sfociare del sangue

    S.Quasimodo

    La sfuggevolezza del senso e la percezione di vuoto che diviene sentimento doloroso sono motivi di questa composizione fotografica, di grande potenza visiva.
    Priva di sovrastrutture, ma con una robusta impalcatura che diviene all'occorrenza specchio riflettente e lente d'ingrandimento nonchè sonda introdotta nella coscienza, è un monito,
    perché le bugie, i silenzi, le assenze, i sospetti vadano interrogati e denudati: compresi, se non altro, nelle loro ragioni contingenti.
    E' il “passaggio d'assenza” : un significato più ampio di quanto si possa intendere limitandolo a possibili rifermineti poetici.
    Cinematograficamente “scena”, “singola visione”.
    “Assenza” significa “vuoto”, “lontananza”, ma anche “improvvisa sospensione della coscienza”.
    L'ossimoro si esplicita proprio nella contrapposizione volontà e limite; azione e rinuncia. Esso si risolve forse nel tentativo di vincere il vuoto con continue incursioni di presenza e di vita. Come dire che ogni "poesia" (etimologicamente) è un passaggio d'assenza, quindi una traccia della continua ricerca di verità: ricerca, quest'ultima, relazionale e, forse, prevalentemente, ricerca interiore, nell'impegno di ricomposizione e ricongiungimento con il proprio Io, prima ancora che con l'Altro.
    Lo stile si conferma asciutto; tagliente; epigrammatico. Un consolidato linguaggio cromatico da concretezza e oggettività a realtà superiori impalpabili: un rapporto (con l'Io e con l'Altro) che respinge e che attrae; che è guerra di strategie e tattiche, fughe e incontri, rinascite e lutti, sconforto e rinnovata speranza.

    Complimenti!
    M.

  • Steffi Fritz 28/04/2010 15:26

    Meraviglioso! Dei colori fantastici...bellissima, complimenti!! Ci si sente subito attorniato dalla natura!
  • Tiziano Giorgini 31/07/2009 11:13

    ottimo scatto ma secondo me ai forzato la mano con HDR è vero così è più coinvolgente ma io la preferisco più naturale.