Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

Cosa c'è di nuovo?
2.671 13

lucy franco


Community Manager

Coffee break *

perchè, qualche volta, basta un caffè.....

Commenti 13

  • Mariana Magnani 01/01/2011 22:29

    Bevanda che, nel corso della storia, ha tracciato traiettorie meravigliose di pensiero e di costume, il caffè ha ispirato epoche; ha sostenuto artisti; è diventato un cult dai molteplici rimandi; è diventato espressione di cultura e culture.
    Percorsi entro il proprio vissuto che ad altri non traspare ed insieme pensieri condivisi: questo hanno vissuto gli innumerevoli letterati "illuminati" entro le mura di un caffè.
    Al caffè è legata indissolubilmente la storia della capitale francese, la quale, sul finire del XIX secolo, assurgeva al ruolo di capitale della Belle Epoque (Belle per modo di dire). La ville lumiére si prestava perfettamente a questo ruolo per il fermento, le frequentazioni e la gioie de vivre che la contraddistinguevano: perciò accoglierà e coccolerà nobili; fornirà ad artisti il terreno più fertile per l’attecchimento di nuove correnti spontanee. Creerà immani scenari coreografici ed una nuova meraviglia vedrà il suo completamento: il teatro dell’Opéra. Per Parigi iniziava altresì il periodo delle grandi esposizioni: da ricordare è soprattutto quella del 1889, che regalò alla città (e al mondo) il simbolo di un’era, la Tour Eiffel
    Già intorno al 1725 nasceva la società Letteraria, con sede al caffè Coveau, nei pressi del palazzo reale. Questa congregazione si proponeva di sviluppare la canzone quale genere letterario. Nei primi anni del 1800 “Le coveau moderne (come denominato successivamente) offriva al pubblico l’elaborazione dei testi e concedeva la degustazione della bevanda nera ed esotica.
    Il successo di questa idea fu tale che presto tutti i proprietari di caffè si organizzarono realizzando spettacoli sempre più ricchi e organizzati. Nascono i caffè chantant, presto veri e propri appuntamenti giornalieri acclamati, definendo marcatamente i contorni di un momento storico e culturale tra i più decantati.
    Era cominciata la voluttuosa moda del can can.
    Nobili, miilitari, commercianti e banchieri giungevano nel piccolo paradiso terrestre alla ricerca di svago e distrazione, dopo lunghi tempi immemori.
    Una vera e propria moda iniziava ad insinuarsi anche a Vienna, a Roma, a Napoli e nelle grandi città del vecchio continente.
    Ancora a molti è sconosciuta la quantità e varietà di scritture approdate al “Caffè”, tali da farne un laboratorio in continuo mutamento. Il caffè, nei modi che intende adottare per avvininasi alle varie forme letterarie, trova i “suoi” scrittori: Rabelais, Swift, Michaux, Gombrowicz, Palazzeschi, Gadda, Manganelli, Calvino, Morgenstern, Céline, Cros, Wilcock, Delfini, Aub. Gli illuministi lombardi, che con “il caffè” operano per l'avvicinamento della letteratura alla società, ne diventano il simbolo ed i portavoci.
    Un tot. di mL di aromatico caffè ha gusti, sfumarure e note perfettamente bilanciati.
    "Galeotto fu il caffè per tante coppie".
    Una tazzina può significare tutto: punto di incontro e ritrovo; pausa; sospensione; risveglio; digestione; famiglia; energie; un modo di equiparasi agli adulti etc.
    Il tuo servizio, dai colori accuratamente abbinati, è dedicato e vale da introduzione ad un tema di importanza millenaria.
    Tutto questo è frutto della tua passione per il caffè?
    Complimenti!
    Ps. Io non ho mai bevuto caffè.
    M.
  • laura fogazza 16/12/2010 12:54

    ...sospesa la pausa...come in un tappeto volante....
    nel nulla....

    laura :-))

  • carla ippoliti 13/12/2010 22:06

    Bellissima Lucy... complimenti sinceri!
    ciao Carla
  • Gianni Izzo 12/12/2010 22:18

    GRANDE foto, ottima la composizione e la "poesia".

    Altre volte ci vuole un pò più di un caffè...magari un pasticcino?
  • Angelo Berlendis 12/12/2010 20:39

    Grande Lucy!
    Mi piace molto la serie e anche il caffè...
  • Claudio Micheli 12/12/2010 17:22

    ...già!....bella idea, ottimamente realizzata!
    Ciao
  • Tery22 12/12/2010 16:40

    Mi piace!!complimenti!!
    Tery22
  • Ambra Menichini 12/12/2010 12:41

    sniffffffffffff
    si sente l'odore fin qui........!!!!!
    la serie è fantastica.........il giornale una chicca.......sa un po di rabbia repressa ..........di chi nel leggerlo ha poi un po stropicciato il giorno che andrà a viversi........ma il caffè.....si lui ha il potere di rimettere un po a posto le cose............ per un attimo :)
    bellissima luce........e pefettamente gestita

    A & G
  • gino lom 12/12/2010 7:47

    Ore 10, 30 di un lunedì qualsiasi, anzi no, non è un lunedì qualsiasi: ho deciso che da oggi cambio vita: niente più scrivania né computer né orari né maschera sociale. Oggi, appena finisco questo caffè, vado via, in giro per il mondo e…
  • Cherie Bradshaw 12/12/2010 2:41

    fantastica tutta la serie++++++++++++
  • paolobarbaresi 12/12/2010 0:58

    e si dopo il caffè si è più nervosi e si stroppiccia il giornale.ottima serie complimenti.
  • Alessandro Russo 12/12/2010 0:40

    perche' no
    a quest' ora ci vuole proprio
    bella composizione e scatto
    ciao Alessandro

Informazione

Sezione
Cartelle serie
Visto da 2.671
Pubblicato
Lingua
Licenza

Exif

Fotocamera NIKON D300S
Obiettivo ---
Diaframma 4.5
Tempo di esposizione 1/30
Distanza focale 34.0 mm
ISO 640

Apprezzata da