Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

Soggetti / .Mostra online / Archivio Mostre

35a - Simona Carli

Così Simona Carli racconta la sua mostra online "On the road":
"Con vecchie ingiallite cartine stradali, ho attraversato 7 paesi in Europa: 4.000 km di catrame nero e bianche strisce, campi infiniti, deserti di grano e piccole chiese fantasma come finte scenografie mutevoli di un film che scorre veloce fuori il finestrino della macchina. Strade ignote e silenzi insuperabili di luoghi quasi fatati o spettrali che solo viaggiando in strada vedi, pensando che ogni metro percorso ti porta sempre più lontano da casa. Una frontiera è una vittoria, un minuscolo obiettivo raggiunto di un viaggio che sembra non avere mai fine; lingue sconosciute, diverse, su cartelloni stradali e un’ansia che ti invade per paura di non sapere più dove andare. Ho deciso di non usare le foto dei monumenti e delle grandiose e meravigliose città europee o i visi sconosciuti tra la folla, ma le strade, le autostrade, le frontiere che ho incontrato. Sono foto scattate in corsa e dalla macchina, "tutte istantanee che i nostri bambini avrebbero guardato un giorno con stupore, convinti che i loro genitori avessero vissuto una vita liscia, bene ordinata, delimitata nella cornice di quelle fotografie e si fossero alzati al mattino per incamminarsi orgogliosi sui marciapiedi della vita, senza mai sognare la stracciata pazzia e la ribellione della nostra vita reale, della nostra notte reale” (Jack Kerouac, “Sulla strada”)" (Simona Carli).
10 Foto | Pagina 1 di 1