Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!

Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

Massimo Forte


Free Membro, Firenze
[fc-user:1516441]

Su di me

Non sono un fotografo perché non fotografo per professione, né mi ritengo fotoamatore in quanto non sfrutto il tempo libero per dedicarmi alla fotografia. Diversamente, invece, mi libero dagli impegni per dedicarmi alla fotografia e similmente a un professionista io fotografo per vivere, vivere emozioni.
Fotografare è si tecnicamente l’operare sui congegni della macchina fotografica, ma dal punto di vista emozionale è un’esperienza di partecipazione che va oltre l’uso degli occhi e delle mani e coinvolge pienamente l’animo. Il fotografo inteso come operatore su macchina fotografica si pone davanti al soggetto a volte con tanto tempo a disposizione, tipo nella fotografia di paesaggio, a volte invece si viene a trovare attorno al soggetto in attimi brevissimi, magari nell’atto di rivolgere lo sguardo ad un bimbo per strada. E’ qui che usare occhi, mani e cuore senza che l’uno prevalga sull’altro risulta un’operazione intensa.
Il mondo appare ai nostri occhi in quanto illuminato dalla luce, ecco quindi che fotografare è esperienza di partecipazione e analisi attenta di questo mondo da parte di chi osserva e non si limita a guardarlo. E’ operazione di riporto della realtà interpretata personalmente dal fotografo sfruttando la luce e i suoi effetti.
Per me fotografare è qualcosa che va oltre la produzione di immagini tangibili, ecco che la fotografia intesa come prodotto finale su carta o pellicola non la ritengo condizione essenziale per la completezza dell’atto fotografico.
Per questo motivo più volte ho premuto il pulsante di scatto con la piena consapevolezza che nella macchina fotografica non fosse presente la pellicola.
Non importa se alla fine non verrà prodotta una fotografia, perché il processo precedente lo scatto è esperienza completa, per me.
E spesso accade che sviluppo le pellicole esposte ma poi non le guardo per anni né stampo i negativi.
E’ per me che fotografo non per gli altri, ecco perché non sono un fotografo.
Fotografare è meglio che guardare…….


Rimini, febbraio 2009


www.massimoforte.it

art@massimoforte.it

Commenti 2

  • Massimo Forte 14/02/2010 10:01

    Certo che lo scanner facilita il riporto dell'intero fotogramma senza taglio...mentre ottenere la stessa cosa in camera oscura è difficoltoso per un fatto di esposizione. Comunque è stato meraviglioso realizzare questa operazione anche in camera oscura e pubblicherò in futuro qualche scatto "pieno" senza tagli. Grazie per il confronto. Bene Laura......buona luce!
  • Laura Piazzoli 13/02/2010 18:19

    Milutin
    Milutin
    Massimo Forte
    se si tratta di un fotogramma scansionato nella sua interezza chiedo venia...anche a me è capitato con le pellicole di avere la necessità di scansionare tutto compresi i "buchini"..e l'effetto purtroppo (o per fortuna, visto il mio gusto strettamente personale per "il difetto ricercato") era lontano da questa tua perfezione...resta cmq il fatto che lo preferirei senza "negativo", per il resto riconfermo, il ritratto mi piace, e ringraziando il cielo di solito distinguo le elaborazioni dalla "realtà"! :))) saluti, _laura

Le mie statistiche

  • 0 0
  • 14 3
Ricevuti / Dato

Abilitá