Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!

Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

Mario Ughi


Free Membro, Livorno
[fc-user:931627]

Su di me

Ci sono dei giorni nei quali imbocco un sentiero. I sentieri sono molti, ed alcuni sono inevitabili.
I miei sentieri sono i sentimenti, e quando posso scegliere mi trovo sempre in difficoltà.
Scegliere un sentimento piuttosto che un’altro ti trascina, come conseguenza, in luoghi diversissimi tra loro.
Se scegli l’amore, ti troverai avvinghiato ad un altro corpo, su un letto sudato, a travasare baci.
Se scegli l’odio, fronteggerai la fredda luce di una lampada piantata in faccia, ed un tizio, sigaretta in bocca, ti chiederà se le dita della mano adesso ti dolgono.
Se scegli la disperazione, contemplerai un mare tempestoso, in un’alba in chiaroscuro, seduto nella tua scassatissima automobile dagli interni in fintapelle che puzzano di fumo, con i sedili che cigolano lievi di un amplesso che non hai consumato.
Se scegli l’indifferenza, fisserai intensamente un muro per così tanto tempo che ti verrà voglia di urlare, e di sbatterci la testa contro, giusto per vedere se un po’ di rosso ci sta bene.
Se scegli di andare consumerai le scarpe; se scegli di restare non ne avrai bisogno.
(Ma andare e restare sono sentimenti?)
E’ come guardare una vetrina, incapaci di decidere quale capo di vestiario sia più efficace per far colpo sulle donne, sugli uomini, sul capo del personale.
O quale colore può contribuire a farti passare inosservato.
Lingerie gialla, o viola.
Boxer, oppure slip.
E mentre cerchi di decidere ti accorgi che l’immagine è deformata perché la vetrina, riflettendoti, contiene anche te stesso. Ti scopri incongruo: preda di oggetti ammiccanti la gioia di vivere, di fare, di correre e di bersi in un colpo solo… ma pur pensando che niente di quello che vedi ti appartiene, non puoi fare a meno di compenetrartene.
Come un’allodola che nell’atto di rubare lo specchio si sorprende e si attarda a guardare la propria immagine riflessa, e intontita e perplessa arriva alla conclusione che rubare quello specchio equivale a rubare se stessa.

Commenti 10

  • salvadori claudia 16/07/2007 14:17

    scegliere.. decidere..e' cosi' tutto assurdo che e' meglio..stare a guardare..proprio come un "clic" e.. bravo per il tuo clic: l'amour toujours..
    claudia
  • GABRIELE CHIODI 13/07/2007 0:05

    OLTRE CHE AUTORE DI SPLENDIDE ELABORAZIONI AL P.C. TI SENTO UN PO FILOSOFO.
  • Giancarlo Bartolini 03/07/2007 0:19

    Spot
    Spot
    Giancarlo Bartolini

    Grazie Mario del gentilissimo commento ed apprezzamento.
  • Terzocchio 17/06/2007 22:15

    ...mi ha segnalato la tua presenza l'amica Katia, aveva ragione, siamo sempre più numerosi noi sognatori...il nostro intento è non solo quello di trasmettere emozioni con le sole immagini..amiamo accompagnarle con le parole...per guidare dolcemente l'anima e lo sguardo oltre le semplici apparenze. Un saluto da chi come te proviene dal pianeta Splinder...vieni a trovarmi sul blog!
  • Paolo Rafficoni 16/06/2007 10:47

    Ciao Mario.... gli amici di Katy sono miei amici...
    Belli i tuoi lavori...molto intriganti......
    Buona permanenza in FC.
    A presto....
    Paolo
  • Tommy Ferrante 24/05/2007 0:30

    Ciao Mario, grazie del tuo apprezzamento e complimenti per i tuoi lavori.
  • Laura Destro 01/05/2007 2:08

    Complimenti per il Video Sunset...
    che ho visto nel tuo blog... :
    Ciao... :)
  • Laura Destro 21/04/2007 11:48

    Ciao... :)
    Welcome....
  • Chiara P. 19/04/2007 1:20

    Benvenuto!! :))))
  • (Tattù) Rivano Salvatore 18/04/2007 21:20

    Ben venuto in questa gabbia di matti
    Ciao
    Mr.T

Le mie statistiche

  • 7 3
  • 163 27
Ricevuti / Dato

Abilitá