Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

fotocommunity.it


Community Manager

"Turisti" di Aldo Cicellyn

Aldo Cicelyn

Commenti 33

  • fabrizio caron 06/10/2011 22:46

    accidenti..strabellissima!!!!
  • Roberto Sias 02/10/2011 20:15

    Considero questa immagine interessante e piacevole per la gestione del BN. Però, concordo con altri che indicano i due personaggi troppo a dx, poco pochino. E' la vista frontale che richiede un riposizionamento (a mio avviso e non sono un critico sia ben chiaro), se il muretto fosse stato leggermente in diagonale probabilmente i due turisti sarebbero nel posto giusto. Così com'è si rompe l'equilibrio tra i soggetti e lo sfondo. Condivido il pensiero di Franco Del Conte, se le regole esistono c'è sicuramente almeno un valido motivo. Andare sempre contro le regole è un atteggiamento tipicamente italiano (poi si vedono i risultati, non fotografici intendo...); a mio parere infrangerle sarebbe consentito/accettato/apprezzato se ci fosse una ragione/necessità/finalità ben evidente e vantaggiosa. In questo caso, io nella foto non lo percepisco......
    Tengo a precisare che la mia cultura/educazione fotografica è assai scarsa, pertanto posso anche sbagliare... mi cimento in questo esercizio critico perchè anche questo mi permette di migliorare.
  • Francesco Torrisi 02/10/2011 17:35

    Io suggerisco di lasciar perdere i "cestini"...di chiunque siano...
    Non serve metterli in discussione ne per chi li cita e tanto meno per chi li subisce...
  • Francesco Torrisi 02/10/2011 16:22

    Bene Luca, ho letto questo tuo ultimo intervento sul "tuo" modo di intendere la Fotografia e non fa una grinza...
    Non la condivido in toto, ma non fa una grinza lo stesso...questo perchè alla fine sono solo e sempre impressioni e giudizi personali.
    E' di questo che ha bisogno l'Autore per capire e crescere, registrare i diversi modi di intendere la Fotografia (amatoriale) per poi fare le sue personalissime scelte.

    L'ultima cosa di cui un Autore ha bisogno è di essere mandato nel.... cestino...
  • Francesco Torrisi 02/10/2011 14:59

    Non definirei questo scatto da cestino Luca... assolutamente.
    Sono sicuro che questa tua affermazione sia stata fatta nell'irruenza della diatriba nata dai toni direi piuttosto caldi.

    La fotografia c'è ed è sotto gli occhi di tutti. E sono convinto che nei nostri portfoli (compreso il tuo ed il mio) ci sono scatti che meriterebbero di essere cancellati prima di questo.

    Poi lo scatto può essere fuori dai temi che soggettivamente interessano ognuno di noi...o può avere un trattamento che può essere soggetto a miglioramenti (e si può utilizzare un criterio di valutazione diciamo "canonico" oppure soggettivo come il tuo che ricerchi il mero aspetto "culturale" negli scatti)

    Ma grazie a non so chi...la fotografia ha sempre limiti più ampi di quelli che ognuno di noi vogliamo affibbiarle. Io per primo.

    Ho preso ormai l'abitudine di dire semmai "a me non piace"...perchè nessuno ha la facoltà del sapere assoluto. Nessuno. E ognuno nell'affermarlo pone soprattutto, agli occhi di tutti, i propri di limiti.

    La definizione di "volgare" nel senso di popolare la legherei piuttosto a tutti coloro che scattano e poi le portano a sviluppare il tutto così com'è. E non fa differenza se il supporto era pellicola o la moderna memoria digitale. In questa c'è una interpretazione dell'Autore (e non del negoziante) che merita di riceversi la nostre impressioni e/o suggerimenti a riscontro. Positivi o negativi che siano, lui o lei, se vorrà, prenderà quello che gli interesserà.
    .
    P.S. siamo nel mondo digitale. Accettiamolo così come "dobbiamo" accettare che il digitale va processato in camera chiara...così come la pellicola la si doveva sviluppare e stampare...facendo le dovute scelte per ottenere un determinato prodotto finito.
    Il digitale a differenza della pellicola di possibilità di scelta ne ha molte, ma molte di più. Alcune probabilmente al limite del buon gusto e dell'accettabilità...ma esistono e non possono essere ignorate o annullate.
  • Maricla Martiradonna 02/10/2011 14:10

    INTERVENTO DELL'AUTORE:
    "Ho promesso a Maricla che avrei evitato stupide ed inutili polemiche e quindi non risponderò alle osservazioni del prof. V.O.G.".
  • Maricla Martiradonna 01/10/2011 22:00

    INTERVENTO DELL'AUTORE:
    "Per Del Conti: spesso sono i difetti, o perlomeno ciò che riteniamo anormale, ad attrarre la nostra attenzione. Le regole sono importanti, personalmente mi hanno aiutato a prendere coscienza del perché istintivamente preferivo un mio scatto ad un altro... ma poi? E se la funzione dell'anomalia fosse proprio quella di attrarre l'attenzione dell'osservatore e spiazzarlo rispetto alle sue sicurezze? Non è detto che si debba perseguire e trovare necessariamente l'equilibrio esteriore ed interiore. Personalmente io ancora non so bene cosa sto cercando.
    P.S. Apprezzo sempre chi esprime un parere motivato senza salire in cattedra. L'avrei accettato con lo stesso piacere anche l'avessi espresso in un altro contesto. Complimenti per i tuoi scatti analogici, te ne invidio diversi.

    Per Cheli: a parte il fatto che non è una foto costruita e quindi api o vespe a disposizione non ne avevo, credo che valga lo stesso discorso di prima. Uno scatto con altri soggetti, come tu proponi, sarebbe stato certamente più appropriato e "rassicurante" ma a mio avviso anche scontato e già visto.

    Per V.O.G.: io fotografo seguendo il mio istinto e utilizzando i mezzi messimi a disposizione nel XXII secolo. Onestamente se i miei scatti ricordano e sembrano citare altri, come dicono a Roma, non me ne può fregare di meno".
  • Franco Farina 01/10/2011 20:09

    Cioè, tanto per capire, siccome non riesci a collocare in nessuno schema questa foto allora sarebbe un motivo per dire che non è buona?
    A Joe Deal, non piacerà...ma a me si.
    A te non piace perché non piace a Joe Deal?
    Non sarebbe il caso di raccontare la propria visione personale? i rimandi, le citazioni, i riferimenti sono senz'altro molto interessanti ma allontanano l'approfondimento di "questa" foto.
    Poi magari l'autore ci spiegherà se ha tratto qualche ispirazione oppure è uno di FC :-)))
  • Monique Leone 01/10/2011 17:45

    Farina...dopo di te....
    anche io mi sono soffermata sui "Con-trasti"
    è ciò che chiamerei il valore aggiunto...
    i soggetti senza il resto...mmm boh?
    il resto senza soggetti...uguale
    equilibrata nell'insieme e curiosa
    quando si dice il perchè... a me sembra chiaro
    ed ovviamente mi piaceassai
  • Franco Farina 01/10/2011 15:56

    Tanto per raccontare il punto di vista, senza alcuna pretesa di far cambiare opinione dato che si tratta di guardarla tra sensibilità e di "occhi" diversi evidentemente, e per fortuna.
    E' proprio la mancanza di un "fatto" di un avvenimento, di un racconto che rende questa immagine enigmatica.
    Certo, bisogna essere portati ad accettare come elemento positivo questo dato.
    Il fatto che la vita, il movimento, stia alle spalle dei soggetti umani, i quali sembrano disinteressati totalmente a quello che avviene, trasforma una situazione ordinaria in straordinaria.
    Anzi, l'uomo ha un'espressione (casuale) come di chi sia interessato a chissà che cosa lontano da lui, a bocca aperta. Sono serafici, distaccati, assenti, con l'espressione di chi sta facendo la fila per entrare in un museo, mentre dietro di loro si scatena l'inferno (inferno cercato e drammatizzato dal post dell'autore (da qui l'ampio spazio lasciato allo scenario "naturale".)
    E' chiaro che se smembriamo l'insieme, cerchiamo di catalogare la foto nel contesto della "foto ben fatta" ci perdiamo in percorsi sbagliati, e si perde il senso della rappresentazione.
    Ovviamente se l'esperienza personale è diversa e si hanno percezioni lontane da questo modo di vedere e immaginare capisco che potrebbe lasciare indifferenti, o perplessi.
    Come si capisce non è il mio caso.
  • Ivano Cheli (1) 01/10/2011 9:05

    Mi trovo in sintonia perfetta con quello che scrive Boradori, buona l'elaborazione anche se un pochino stucchevole, le persone non aggiungono niente, sempre secondo me, forse avrebbe avuto più forza anche se al loro posto ci fosse stata parcheggiata una vespa o un'ape...tanto per rimanere su un marchio rigorosamente italiano...infatti lo scooter giapponese immagino che non sarebbe andato bene...sempre secondo i miei gusti.
  • Franco Del Conti 30/09/2011 17:41

    Francesco Torrisi, Ha scritto:
    1) a mio gusto i due soggetti sono troppo relegati vicino al margine...un poco, ma poco, di aria in più tra i due e la fine del fotogramma avrebbe equilibrato lo scatto.

    Concordo in pieno.
    Con questo genere di foto non si fa altro che giustificare l'operato del fotografo dicendo che la sua è una ricerca di scatti non banali, dell'intenzione del fotografo di uscire dai soliti schemi troppo restrittivi e ingessati e che le regole sono fatte per essere trasgredite. Ma se le regole vengono sempre disattese, significa che non servono,.... che non debbano esistere, oppure che quelle che ci sono non vanno più bene.
    E credo che fino a questo punto non siamo ancora arrivati.

    Ora guandando questo scatto, leggero grigiore a parte, che per me ci può anche stare, ma è innegabile che l'occhio venga attratto maggiormente dalle grosse nubi in cielo, è come se venissi attratto con una forza irresistibile verso il bellissimo cielo.
    Quasi come una falena verso la luce, ....anche senza il quasi.
    Sono i due personaggi curiosi all'estremo del rettangolo fotografico che si trovano leggermente in secondo piano
    rispetto a tutto il resto dell'immagine, proprio per la loro posizione ai margini.
    Ed è un peccato perchè l'espressione dei due e specialmente quella dell'uomo sono molto interessanti.
    In conclusione vorrei dire che la foto è bella ma secondo me non è perfetta, appunto per quel leggero disorientamento che lo scatto crea.
    Chiedo scusa se mi sono permesso di fare queste piccola critica, ma siamo in agorà, se fosse stata postata normalmente non l'avrei mai fatta. :)
    fdc






  • Gianni Boradori 30/09/2011 14:16

    Sorry, io remo non proprio contro le considerazioni degli autorevoli preparati fotografi che mi hanno preceduto, ma ad andatura più lenta.....
    A prima vista l'effetto è notevole, avvalorato da una post produzione dai toni drammatici dove i chiaroscuri sono esasperati,come la struttura o lo sharpening ma poi, (parere personale ovviamente), tutto il bello si ferma qui, nel senso che la scena e soprattutto i personaggi ripresi non fanno parte di una cattura che possa darmi una particolare emozione.
    per me manca il racconto, l'attimo fuggente colto al volo.
    In pratica i "turisti" passano in secondo piano rispetto all'enfasi data a tutto il resto e da soggetto diventano complemento.
    Rimane cmq una buona foto.....
  • Bruno Vallarin 29/09/2011 22:31

    Ho capito l'errore. Comunque è una bella immagine.
    Ciao Franco, ti osservo nell'ombra (scherzo). Grazie per la comunicazione.
    Ciao Bruno.
  • Seby Privitera 29/09/2011 21:36

    i due FRANCHI TIRATORI......
    ih ih ih ho fatto la battuta........

Informazione

Sezione
Clic 2.657
Pubblicato
Lingua
Licenza

Exif

Fotocamera Canon EOS 5D Mark II
Obiettivo ---
Diaframma 9
Tempo di esposizione 1/200
Distanza focale 28.0 mm
ISO 100

Preferite pubbliche