Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

Claudio Micheli


World Membro, Trento

S-21 *** Urla del silenzio

Non vorrei risultare tedioso, ma per chiudere questa piccola serie di immagini dalla Cambogia, mi sembrava giusto mettere una foto scattata a Choung Ek. Poi ho preferito questa, che ho ripreso in fretta…in fretta e senza pormi tanti problemi sul risultato. E’ l’interno di una stanza dell’S21 (Tuol Sleng), da cui partivano molti dei prigionieri che terminavano i loro giorni a Choung Ek.

Choung Ek è un luogo poco fuori Phnom Penh, dove, dopo la caduta di Pol Pot, furono trovate 120/130 fosse comuni, contenenti presumibilmente circa 10.000 corpi.
Quando eravamo lì, una novantina era stata già ‘aperta’, e i corpi dissoterrati. L’aspetto del terreno era quello di un gigantesco alveare verde.
Era già stato costruito un piccolo stupa, nel quale è stata deposta una quantità enorme di teschi umani, visibili dall’esterno, anzi, le portine in plexiglas si potevano aprire e volendo era possibile toccare e prendere in mano i teschi, come ho visto fare a 3 soldati ONU che, con dubbio gusto, hanno reciprocamente scattato una foto ricordo.

Ero stato a Monaco e poi Dachau, in gita scolastica, quando frequentavo la terza media e, 4 anni prima di visitare la Cambogia, a Birkenau/Auschwitz, luoghi che mi hanno raggelato dentro. Choung Ek…ha lasciato un ricordo forse più profondo… il fatto che gli avvenimenti erano più recenti, la suggestione, le piccole schegge di ossa e i piccoli brandelli di stoffa che uscivano ancora dal terreno…forse anche l’informazione frammentaria, il velo di silenzio che è stato posto su questa pagina di orribile storia recente…non lo so…

***

L’S21 era un liceo, trasformato in carcere e luogo di tortura. Si calcola che vi siano entrate oltre 15.000 persone, ma di queste praticamente nessuna è sopravvissuta a quel periodo.
Numeri ‘piccoli’, se raffrontati al totale di 1,4-1,7 milioni di persone (cifre che sembrano essere le più veritiere, tra tante in circolazione) che si calcola essere decedute in Cambogia in 4 anni. Sterminate o morte di stenti, quasi un quarto della popolazione.. Un paese distrutto, privato di tecnici, medici, intellettuali….

Commenti 66

  • Ingeborg K 21/03/2016 21:17

    Den Text kann ich leider auch nicht verstehen, mir fehlen dazu die Sprachkenntnisse. Aber das Foto zeigt eine für mich bedrückende Situation.
    LG Ingeborg
  • TeresaM 14/03/2016 20:36

    Dramatique vision et pensées tristes.
  • Elfie W. 12/03/2016 8:45

    eine gute Dokumentation, die das Grauen dieser Zeit sehr gut aufzeigt !!
    LG elfie
  • Fotoliebe-tattoliebe 19/06/2014 13:24

    grazie di averla mostrata

    ciao Giovanni
  • Gianni Calgaro 19/06/2014 9:31

    Come al solito un grande scatto. Ci sono stato anch'io lì e non si può uscire così tranquilli come magari si era entrati. Certe cose ti lasciano il segno.
  • Francesco Fusco 13/06/2014 15:35

    Ciao Claudio voglio fare un copia e incolla delle parole di Gloria.S..le trovo giuste e rispecchiano anche il mio pensiero nei tuoi confronti! Una forte stretta di mano,
    Francesco
  • Gloria.S 12/06/2014 20:53

    Per non dimenticare... per non ripetere! Complimenti Claudio per la tua sensibilità: riesci sempre a mettere a disposizione la tua maestria e professionalità per i più deboli e i più sfortunati! Applausi! Gloria
  • Evelyne Berger 11/06/2014 14:26

    Ich habe den Text übersetzen lassen, um das Foto noch besser zu verstehen, grauenhaft was dort geschehen ist....

    Liebe Grüße
    Evelyne
  • Jane C 07/06/2014 22:57

    Oh Dio, che un testimone o un memoriale per l'umanità! Quei giorni terribili e momenti di sofferenza di individui che non dovrebbe davvero vergesssen! Di conseguenza, la foto è un documento importante per ricordarci di tutte le sofferenze in molti stati, e di riconoscere contemporaneamente quanto siamo fortunati che! LG di Jane C.
  • B.Schalke 07/06/2014 22:31

    Molto autentico vipresa intressante !!
    Ciao Buona domenica
  • Michèle FLEURY 27/10/2012 10:39

    Un titre juste, une photo-témoin des souffrances de ces prisonniers :un document intense! Atmosphère chargée...Amitiés, Michèle
  • Rita RR 06/02/2011 21:16

    E' doveroso non dimenticare perchè i genocidi, di qualsiasi colore essi siano e in qualsiasi epoca e luogo siano avvenuti, non si verifichino mai più!
    Angosciante documento, complimenti Claudio!

  • Christian Rocher 12/10/2010 8:36

    une image spectaculaire et très impressionnante incroyable.
    Amitiés.
    Christian
  • marco fulle 25/07/2008 11:17

    Questa foto, anche senza racconto, e' agghiacciante, e grandiosa come composizione. Anzi, senza togliere nulla alle tue spiegazioni, con una foto cosi' il silenzio e' il commento perfetto: dice gia' tutto lei. Un saluto "ammutolito" m
  • Antonella A. 06/06/2008 14:04

    Mi fa venire i brividi!!!
    Ciao Antonella :-)
  • Mattia Sacco 28/05/2008 13:52

    Anche se scattata di fretta...hai colto l'essenza.
  • Gian Marco Concas 19/05/2008 20:28

    riflettere su tutto ciò eppoi riflettere ancora, affinche la vita dell'essere umano sia rispettata ovunque!!
    Gian marco
  • Sergio Sanna 19/05/2008 13:27

    Una foto e un commento che rappresentano una preziosa testimonianzaCiao.
  • maria teresa mosna 16/05/2008 20:04

    Una foto impressionante ma è giusto ricordare quanto hanno sofferto i popoli e ancora quanto soffrono!
    Non se ne parla più, se ne parla poco perchè l'essere umano preferisce girare pagina e dimenticare.
    Grazie per le tue foto documento.
    ciao, Maria Teresa
  • Domenico Formichella 16/05/2008 19:25

    Una foto che fa venire i brividi. Bravo Claudio
    Domenico
  • Andreas Boeckh 15/05/2008 19:22

    This pictures says more than a thousand words.
    Regards
    Andreas
  • Ellen Jeschke 14/05/2008 20:38

    +++++...LG Ellen
  • FULVIO BIAGINI 14/05/2008 17:31

    Ho letto con grande sgomento la didascalia a questa terribile immagine. Indigna che, fra le altre cose, sia stato usato un luogo di cultura per svolgere attività di soppressione fisica. Passano gli anni, ma l'uomo non impara nulla da quello che è già successo. Bravo per questa immagine di testimonianza
    Fulvio
  • Kurt Neeser 14/05/2008 17:19

    Very impressive picture.
    Complimenti
    VG Kurt
  • Ulrike Wien 13/05/2008 22:06

    ich bin nicht hineingegangen, ich wollte das Grauen nicht sehn - ich hätte es nicht ausgehalten. Der Mensch lernt nicht aus der Geschichte.
    Ein gelungenes Foto.
    LG Ulrike