Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

Cosa c'è di nuovo?
/---> OLTRE LO SGUARDO

/---> OLTRE LO SGUARDO

700 15

/---> OLTRE LO SGUARDO

Take Care of Me
http://youtu.be/aLR_bSzPTiY


Tribute to SMC

Photographer: Steve Mc Curry
foto esposta alla Villa Reale di Monza
elaborazione di amc

Commenti 15

  • ann mari cris aschieri 13/03/2015 19:43

    @Daniele
    Intanto grazie del tuo contributo che è un valore aggiunto alla discussione.
    Posso comprendere benissimo il tuo sentirti perplesso sull'autenticità della posa di questa foto. Ho avuto anch'io lo stesso dubbio, parendomi infatti improbabile che lui si sia fermato a fotografare tranquillamente col pericolo che intanto partisse il colpo invece di strappare subito l'arma di mano al bambino. Sarebbe di un cinismo imperdonabile.
    Ma voi Photographer siete capaci di qualsiasi astuzia pur di ottenere uno scatto straordinario..
    Però lui m'incanta, come tanti altri bravi fotografi (te compreso) da cui ho soltanto da imparare.
    CIAo! cris
  • Daniele Musiari 13/03/2015 15:37

    a me Mc Curry non piace, a sfondato con la ragazza Afgana e ora cavalca quell'onda con ritratti in posa, dove la finzione è la regola. poi che abbia fatto altri scatti belli, sicuramente, ma è molto sopravalutato (mio modestissimo parere personale)
    E di questa foto mi chiedo ....
    Il bambino stava minacciando davvero di uccidersi ?
    Occhi pieni di lacrime, una pistola tenuta in modo troppo professionale o cinematografico, una pistola che pesa per un bambino .....
    se è una finzione (cosa che non penso delle lacrime) gli ha messo in mano una pistola (presumo scarica) per fare un'altra foto del secolo?
    Penso che La foto dell'afgana l'ho ha condizionato a tal punto che deve fare dei set fotografici per cercare di raggiungere quello scatto che "lo stà divorando"
    Come la foto fatta nel 2011 ... il classico stereotipo Siciliano che hanno gli stranieri.
    Messo in posa, come tanti altri, correndo dietro alla ragazza Afgana ........
    (non riesco a linkartelo ma metti Mc Curry sicilia dovresti trovarlo.
    Scusa se ho aprofittato di questo tuo spazio per uno sfogo contro Mc ....
    La tua elaborazione ci stà tutta in una foto come questa, la drammatizza ancor di più , hai avuto una bella idea.
    Un abbraccio
    Daniele
  • Fabricio Luiz Guerrini 29/11/2014 23:53

    Immagine tremenda, ma purtroppo attuale. Brava
  • Paperina 29/11/2014 18:40

    una elaborazione che veramente conduce ..oltre lo sgiuardo.
    Si comprende come tu ci abbia messo il cuore...
  • Carlo Fontana 28/11/2014 16:25

    semplicemente "l'OGGI" ... CF
  • Alfredo Spagnoli 26/11/2014 21:10

    !!!!
    Immagine molto forte
    GRANDE!!
  • adriana lissandrini 25/11/2014 23:36

    impressionante e potente, grande tributo il tuo...
  • ann mari cris aschieri 25/11/2014 17:43

    @GinoLom
    Avevo in archivio queste foto scattate qualche tempo fa alla mostra di Mc Curry e così ho pensato che niente fosse più adatto a segnare in rosso- vergogna sul calendario questa giornata celebrativa .
    Ho lavorato sulle immagini per entrare ancora più profondamente nel dramma, fino allo sfociare delle lacrime salvifiche…
    Credo nell’effetto catartico di immagini e suoni quando non si hanno più a disposizione parole proprie da pronunciare con rabbia .
    CIAo!
  • s.scelza2 25/11/2014 17:25

    **************************
  • gino lom 25/11/2014 16:54

    Oltre lo sguardo, certo, ma è un oltre che si addentra nello sguardo, lo perfora, lo squarcia ed arriva direttamente al dolore che occupa l’intero essere. Non conosco le foto originali e non posso commentare la tua elaborazione, ritengo però che nessuna elaborazione possa accentuare un oltre di per sé assoluto nella spiegata sofferenza, credo perciò che tu abbia voluto elaborare per sottolineare ed evidenziare la esistenza – purtroppo – di sguardi che nemmeno cercano aiuto, di sguardi che affondano come lame nella coscienza collettiva perché sanguini ad ogni tentativo di voltarsi dall’altra parte.

    G