Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Cosa c'è di nuovo?
3.301 16

Mauro Moschitti


Free Membro, Lenola

oLD mOM

Varanasi, India
filtro: idrato di cellulosa con foro
.


Tradizionalmente il popolo indiano è prettamente maschilista, la donna non è altro che un'eterna inferiore, dipende prima dal padre, poi dal marito e infine dai figli. In ogni caso, il matrimonio è il destino di ogni donna indiana. Con il matrimonio la donna diventa “proprietà del marito”: deve stare in cucina, accudire la casa e i figli e servire il marito, oltre a lavorare per procurare alla famiglia i mezzi di sostentamento.
Accade sovente che suocere e mariti si sbarazzino delle mogli, simulando incidenti domestici, liberandosi così dal vincolo del matrimonio, altre volte, giovani donne, esasperate dalle pressioni della famiglia, vengono spinte al suicidio.
Da un rapporto di Amnesty International, si stima che in India il 45 % delle donne sposate subiscono violenze fisiche e morali dai loro mariti. Il divorzio è legalizzato, ma per una donna questa scelta è molto difficile e rischiosa: significa spesso essere ripudiata dalla famiglia di provenienza, perdere la custodia dei figli e soprattutto essere emarginata senza possibilità di ricostruirsi una vita.
Inoltre la donna, dal punto di vista religioso, non ha nessuna possibilità di salvezza, di conseguire direttamente il moksa (la salvezza), ma deve garantirsi, con i propri doveri di moglie devota, la rinascita come uomo per poter finalmente intraprendere il cammino per la libertà.

Commenti 16

Informazione

Sezione
Cartelle India 2010
Clic 3.301
Pubblicato
Lingua
Licenza

Exif

Fotocamera Canon EOS 5D Mark II
Obiettivo 237
Diaframma 6.3
Tempo di esposizione 1/125
Distanza focale 24.0 mm
ISO 800

Preferite pubbliche