Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e inserzioni e per analizzare gli accessi ai nostri siti web. Condividiamo inoltre informazioni sui nostri siti web con i nostri partner per email, pubblicità e analisi. Visualizza i dettagli

Cosa c'è di nuovo?
Mostra online di Maurizio Bartolozzi "Il palcoscenico della strada" - 7. Dialogo

Mostra online di Maurizio Bartolozzi "Il palcoscenico della strada" - 7. Dialogo

535 1

Mostra online di Maurizio Bartolozzi "Il palcoscenico della strada" - 7. Dialogo

Un estemporaneo dialogo tra statue viventi, quattro chiacchiere prima di occupare ciascuno il suo posto per intrattenere turisti e passanti.

Commenti 1

  • Donata Casiraghi 27/05/2008 15:06

    Recitare per qualche ora indossando un costume scenico, oppure "essere" per qualche ora il più possibile fedeli alla propria natura, proprio grazie alla maschera prescelta?
    Un tema caro a Luigi Pirandello, che dal contrasto fra "volto" e "maschera" (o l'inevitabile coesistenza di entrambi) ha tratto ispirazione per opere che hanno segnato la storia della drammaturgia del nostro tempo.

    Maurizio non si è limitato a ritrarre i soggetti protagonisti di questa mostra on line - dei quali personalmente ammiro la raffinatissima cura di gestualità, pose e atteggiamenti, oltre che dei loro ricercati costumi.
    Il suo messaggio per immagini ci rivela una piccola fetta di mondo che prova a fermare il tempo della vivacità urbana, e interagisce come in un film di fantascienza con i frettolosi passanti.

    Osservando questo "Dialogo" mi sono posta la domanda: "Chi parla con chi?" Gli interlocutori sembrano rappresentare l'uomo di oggi, o forse di sempre.
    Con i suoi schemi - voluti o imposti - i suoi pregiudizi, le sue complessità sociali, può diventare il generatore di possibili bizzarre incomprensioni con se stesso e con gli altri.
    Oppure, come per miracolo, colui che con la forza del sentimento supera la forma, e si rivela come anima nella sua splendidamente povera essenzialità.