Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Cosa c'è di nuovo?

Tonino Leone


Free Membro, Bologna

Mia madre

IL VENTO L’ACCAREZZAVA,
IL SOLE LE ILLUMINAVA GLI OCCHI E LE RENDEVA LA PELLE SCURA,
LUNGHE TRECCE, UN SORRISO PROROMPENTE,
PANNI POVERI ADDOSSO.
LUNGHE CORSE TRA L’ERBA, A PIEDI NUDI.
ECCO, LA MIA PICCOLA MAMMA LA VEDO AD OCCHI CHIUSI,ADESSO.
LA GUARDO ORA,DISADORNA DI DENTI EPPUR SORRIDE,
SQUALLIDA NELLE CARNI MA FIERA NEL PORTAMENTO,
LA CHIOMA BIANCA E SPORCA E LA MENTE CHE NON SI ACCORGE DI NIENTE.
LEI CHIEDE RISPETTO, LO IMPLORA,LO DESIDERA,
INTANTO, SORRIDE ALLA PICCOLA FIGLIA,
CHE EBBE E NON HA PIU’,
LE STRINGE FORTE LA MANO E
ASSIEME VANNO DOVE IL VENTO ACCAREZZA E IL SOLE ILLUMINA.

Commenti 11