Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

Mario Ventura


World Membro

Commenti 128

  • Izabella Vegh 30/12/2009 21:53

    Meritatissima nella galleria. grazie per il tuo gentile commento per la mia foto di oggi. Auguroni: Izabella
  • Elina Ninova 26/12/2009 0:23

    Magnifico paesaggio!
  • marco carreras 01/12/2009 15:50

    Molto bella e molto belli anche i bn
    Ciao
    Marco
  • Riccardo Sanchini 22/10/2009 15:24

    Bellissima, peccato averla vista solamente ora||Ciao Riccardo
  • fabrizio caron 05/09/2009 9:00

    è una fiaba di foto !! meritatissimo riconoscimento
    fabry
  • Valeria Ferrari 31/08/2009 10:10

    fantastica..stellina più che meritata!
  • Flavio Nicassio 27/08/2009 10:56

    un quadro notevole ... rimango senza parole fantastica !!!
  • laura fogazza 21/07/2009 12:14

    semplicemente....magica!
    laura
  • Silvia Corvalan 19/06/2009 21:00

    Davvero... BELLISSIMO PAESAGIO!
    Saluti.
    Silvia
  • Eugen Auer 06/06/2009 10:58

    Like a painting. Beautiful!
    Ciao, Eugen
  • giancarlo crocicchia 15/05/2009 17:16

    Galleria meritata, la luce che avvoge ogni cosa.... bellisiima e preferita.
  • Geo Portaluppi 13/05/2009 13:04

    C'è un filo invisibile che collega il soggetto di una ripresa all'obiettivo della macchina fotografica che il buon fotografo ha sempre a portata di mano o di tasca, dipende se è un Tex Willer fulmineo nell'estrazione, perché a volte l'occasione è lì, ma birichina fa un guizzo e veloce passa. Il filo ha la pancia, nel senso che non è teso, dondola sornione in attesa, fa l'indifferente ma basta che muti qualcosa del presunto punto di equilibrio, per esempio facciamo un passo di lato, il filo si tende e... clic, scatta la foto. A volte sappiamo nome e cognome e pure la paternità di quel filo, e allora facciamo appostamenti, studi, ricerche per stanare il momento giusto dello scatto, altre volte il filo si tende a nostra insaputa, a quello che sappiamo di cosciente, non parlo di quello che sa invece il nostro subconscio, che sa sempre tutto, un mostro di bravura. Questa foto mi pare una ottima miscelatura delle due componenti, il conscio e l'inconscio, ovvero è una foto voluta, ricercata, pensata o forse anche solo intuita, e questo da parte del conscio, ma c'è anche una dose di casuale, di capitato lì per caso, ci sarebbe passato sotto il naso, ma no, l'inconscio vigila attento, è questione di un momento ma riusciamo a cogliere l'aspetto desiderato, forse anche perché con il digitale possiamo fare tanti scatti quanti ne vogliamo.
    Una campagna sonnacchiosa che svogliata si mostra alle prime luci del giorno. Non ha ancora indossato la sua erba di prato migliore, è il pigiamo dei giorni feriali, tutti uguali, decorosi ma non prestigiosi. La campagna si desta, tende l'orecchio al canto dei mattinieri passerotti che rinnovano il gioco di chiamarsi da un albero all'altro, "Ci sei?" chiedono gli uni "Cip cip sì'" rispondono gli altri. "E quel cacciator di ieri con la doppietta che andava di fretta?" trilla nonna merla. "Oh, aveva fretta, e lo lasciato andare..." commenta l'interessato. E sul lato di destra c'è un telo di plastica che per tutta la notte ha trattenuto il calore che si sprigiona dal cumulo del letame, durante il giorno che è appena iniziato ne lascerà scappare un poco, in nuvole di vapori soffici. Dentro alla casa bianca con il tetto grigio e dalle finestre ancora nere, c'è però chi già stiracchia le membra e sbadiglia, salutando così la famiglia che gli rifà lo stesso verso di rimando, si gratta in testa e cava fuori dall'armadio con le antine di vetro verde smerigliate, una scodella di minestra fredda, avanzata dalla sera precedente, non più brodosa ma ancora gustosa e nutriente, quanto basta per affrontare il duro lavoro dei campi, che se non li curi a dovere non campi, tu e la tua famiglia. Ognuno si appresta alla bisogna a fare la parte sua nella giornata, il nero manto della nottata s'è dissolto è quindi giunta l'ora di interessarsi al raccolto. Pare che non ci siano problemi a stare al mondo. Invece no. Ecco giungere le grigie armate della nebbia contadina, in alto le truppe della cavalleria pesante, in basso la schiera della fanteria e anche altrove, qua e là, avamposti di drappelli che ti fanno rizzare in testa i capelli. La bruma reclama la sua parte: vincerà lei o i raggi del sole. La foto non lo dice, speriamo di scoprirlo nel prossimo scatto. Molto, molto ben fatto il tutto. Geo
    Lampione ferito a terra: presto occorre la barella!
    Lampione ferito a terra: presto occorre la barella!
    Geo Portaluppi
  • Patrizia Todisco 13/05/2009 12:43

    Fantastica questa tua immagine. Complimenti per la stellina , Con un solo colore hai creato un emozione
  • angelofoto 13/05/2009 12:36

    esageratamente bella!
    ciao. angelo
  • Maria Simona Monti 13/05/2009 12:09

    bellissima questa nebbia rarefatta , sparsa qua e la' !!!!!
    ciao___ms

  • Alfredo Mazzoni 12/05/2009 20:23

    Tutti i miei complimenti Mario, un successo meritatissimo!!!!!!!! Alfredo
  • danielanikolova 11/05/2009 23:20

    meravigliosa
  • lorenza ceruti 11/05/2009 22:35

    mi sembra giusto!!!! complimenti!
  • Roberto Sias 11/05/2009 22:32

    pro
  • Werner Layer 11/05/2009 22:32

    Wow!
    PRO
  • Trixi Schneider 11/05/2009 22:32

    +
  • Maria Luisa Runti 11/05/2009 22:31

    ++++++
  • Matthias Besant 11/05/2009 22:31

    pro
  • meskal 11/05/2009 22:31

    Pro...
  • Inez Correia Marques 11/05/2009 22:31

    PRO!!!!

Informazione

Sezione
Cartelle Stelline
clic 3.209
pubblicato
licenza

Premi

Galleria 11/05/2009
134 Pro / 66 Contra

Preferite pubbliche