Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Cosa c'è di nuovo?

Giuseppe Cinà


Basic Membro, Palermo

L'agguato

Esiziale, secco e disumano
scarto di secondo che vale tanto
quanto una vita che è più finita
di una resa mai incominciata

Musicala questa traversata,
dal mio nido a quello della mia amata
L'atmosfera è o.k. Tutto è bello,
Polly io ti voglio nel mio cervello

L'auto fila via liscia
carezzata dal vento che è biscia
e morbido striscia
sulle lamiere madide al sole giallo di guai

Esiziale, secco e disumano
scarto di secondo in agguato:
guardami così bello e rapito
dalle gioie di un veleggiare muto

e raro come l'arcano da serbare
e prezioso come un mare da salvare
a proposito della mia vita

L'auto fila via liscia verso lo stop
e nulla compare a fare una breccia
da dietro il sole disteso giù sulla strada
L'auto parte via liscia:
è un attimo realizzare che “No, non è così...”
in un lasso esiziale un bolide appare
e finisce lì

E il sole scaglia la sua gloria e se la ghigna

Una confusione per incubazione!
C'è una babilonia
di disagio e compassione!
Sono Coma in ascolto, bagnato sull'asfalto
Grilla come olio un lago imporporato

E il sole scaglia la sua gloria e se la ghigna



- Marlene Kuntz, "L'agguato" -

Commenti 16