Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

Rolando Perondi


Free Membro, Milano

"INVISIBILI"

...li ho cercati, per riprenderli, documentarli. Quando li ho trovati mi è mancato il coraggio ... in ogniuno di essi ho visto il mio volto che, lentamente ed inesorabilmente sta diventando ... "invisibile"!

Commenti 8

  • Francesco Liberti 04/04/2008 21:54

    +++++++++++++++++++++++++++
  • Ciro 10/10/2007 12:05

    Ciao Rolando, la post è senz'altro ben realizzata così come il concetto che hai cercato di realizzare.
    Comprendo cosa hai cercato di descrivere, solo a mio avviso il viso del clochard nella fogna...mi sembra ancor più sviluente di quello che già non è.
    Anche se la realtà spesso può essere più sorprendente della nostra fantasia..............:-)

    Ciro
  • Noemi Izzo 10/10/2007 11:09

    grande sensibilità e ottima realizzazione e comunicazione
    complimenti davvero
    ciao, Noemi
  • Mauro Moschitti 10/10/2007 10:40

    La tua è una sensibilità degna di nota Rolando...
    complimenti...
  • Laura Destro 10/10/2007 2:37

    Quoto al 100% Bruno Vallarin....
    Vorrei aggiungere... che stai diventando
    sempre più bravo... e questa immagine
    lo conferma... Con Stima...
    Laura
  • Bruno Vallarin 10/10/2007 1:21

    Ciao Rolando, hai ragione, è difficile riprendere scene di persone che sono disperate, forse la paura nasce da una sorta di transert, ma penso che piu' di tutti,prevalga la coscienza, anche nella disperazione in fondo, si ha bisogno della propria dignita'.
    Avrai perso delle immagini, ma la tua umanità ne ha guadagnato.
    Un salutone da Bruno.
  • Pina D 09/10/2007 10:53

    é... non so definirla... mi piace moltissimo e mi angoscia allo stesso tempo!
    Complimenti
  • Alberto Peroni 09/10/2007 9:09

    Non sei nuovo ad immagini di questo genere... il modo in cui tu interpreti il tema e la didascalia che accompagna l'immaginemi fanno pensare a te come un uomo schivo e riservato, di grande sensibilità ed umanità, un uomo che è bello avere come amico...