Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Cosa c'è di nuovo?

Emanuele Gagliardi


Free Membro, Roma

Aborto

Apparecchio: Minolta SR T 101
Obiettivo: Rokkor-PF 58mm/f 1.4
Esposizione: 1/60 f 8
Pellicola: Kodak Tri-X-Pan ASA400 27DIN

Commenti 9

  • Benedetto Riba 24/10/2007 9:02

    Bellissima !!!!
    Complimenti e saluti
  • La Lice 12/10/2007 21:40

    bellissima...una foto davvero di fortissimo impatto.complimenti!
  • Antonella Villa 03/10/2007 21:23

    Questa foto è stupenda. Ed inquietante.
    "Aborto" può voler dire tante cose.
    A me non fanno pensare a ciò che avviene PER FORTUNA nella realtà coi feti delle gravidanze interrotte.
    Ma a tutte le violenze che PURTROPPO nella realtà i bambini subiscono.
  • baye 28/09/2007 15:47

    ti ringrazio vivamente per il commento,ma davanti ad una foto simile mi sento ancora piccolo!!! Grazie e "bona vita" C.G.
  • Marco Lascialfari 26/09/2007 12:05

    Perdona Emanuele il mio punto di vista, ma trovo insensato il tuo titolo, lo ritengo di pessimo gusto al riguardo di una foto che poteva anche essere gradevole.
    Con stima
    Marco.
  • Giuseppe Cinà 26/09/2007 10:27

    Questo è il tipo di fotografia che mi piace: quella che ti scuote e impressiona!
    Davvero una bella concettual, e molto ben realizzata, con tutti gli accorgimenti finalizzati alla comunicazione del messaggio... il B/N, la grana, il contrasto forte..
    Un ottimo lavoro, complimenti!
    Ciao, Pè
  • Dafne Mellera 25/09/2007 21:02

    Molto cruda e forte !!!
  • Nancy Carnevali 25/09/2007 17:47

    scusa ma la trovo di cattivo gusto, come del resto la scelta del titolo!
    Nancy
  • Marco Agazzi 25/09/2007 17:46

    Inquietante questa " casa delle bambole ".
    Queste teste ammucchiate e disarticolate dai corpi, come oggetti ormai privi di utilità, fanno pensare a ciò che avviene purtroppo nella realtà coi feti delle gravidanze interrotte.

    Marco