Questo sito usa cookie per offrire una serie di funzionalità, per personalizzare eventuali inserimenti pubblicitari e per analizzare gli accessi. Usando il sito di fotocommunity dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni  OK

Rimuovere la pubblicità? Diventa adesso Premium!
Cosa c'è di nuovo?
654 14

...98 anni.

Nonna Maria l’ho incontrata in una hall,la sua dolcezza è stata l’attrattiva e la sua solitudine il richiamo. L’ho abbracciata così,senza conoscerla,solo per quanta tenerezza possa dare il richiamo degli anni… Lei è un chiaro ricordo,mentre tutti i suoi pensieri sono dismessi e fragili,ma non vacillanti.Basta stare in aspettazione e ti inizia a raccontare la vita… Un abbraccio nonnina cara…

Commenti 14

  • Francesco Liberti 13/10/2010 22:09

    OOOOOOOOOOOOOOOOK !
  • Andrea Sampoli 14/09/2010 19:32

    grande bn....uno scatto emotivamente profondo....++++++
  • giovanni sarrocco 14/09/2010 14:30

    Bellissimo bn. Tra le mie preferite!
  • Aneta Kwiatkowska 14/09/2010 2:40

    Commovente....un caro abbraccio a Nonna Maria.
  • lucy franco 13/09/2010 21:10

    simbolico quel gesto di dolce rassegnazione....occhi che hanno molto visto, si riposano all'ombra di una mano stanca.

    Due fedi....un segno di un amore che nemmeno la morte spezza.
    E' bello perdersi nei suoi pensieri nascosti

    Sei fantastica tu, che l'hai abbracciata.

    Lucy
  • Ambra Menichini 13/09/2010 20:49

    noi che abbiamo ancora il grande privilegio di avere la nonna in casa di 99 anni capiamo perfettamente cosa intendi Tatiana
    grazie

  • Remesco 13/09/2010 19:07

    Emouvante.
    Rémy
  • eLLeFFe 13/09/2010 19:01

    un B/N intenso...che arriva...

    con questa tua foto il testo che ti allego probabilmente non centra nulla...ma rimango affascinato dal racconto poetico che Guccini ci fa "vivere"...io me lo immagino leggendo le sue parole..."lo vedo".....e tu !!!!???

    Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, l'odore quasi povero di roba da mangiare.
    Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene di lampadina fioca, quella datrenta candele
    fra mobili che non hanno mai visto altri splendori, giornali vecchi ed angoli dipolvere e di odori
    fra i suoni usati e strani dei suoi riti quotidiani: mangiare, sgomberare, poilavare piatti e mani.

    Lo sento quando torno stanco e tardi alla mattina, aprire la persiana, tirare la tendina, e mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta andar piano, in pantofole, verso
    il giorno che lo aspettae poi lo incontro ancora quando viene l'ora mia, mi dà un piacere assurdo la sua
    antica cortesia "Buon giorno, Professore. Come sta la sua signora? E i gatti, e questo tempo che
    non si rimette ancora."

    Mi dice cento volte fra la rete dei giardini di una sua gatta morta, di una lite coi vicini e mi racconta piano, col suo tono un po' sommesso di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso.

    Io ascolto, e i miei pensieri corron dietro alla sua vita, a tutti i volti visti dalla lampadina antica, a quell'odore solito di polvere e di muffa, a tutte le minestre riscaldate sulla stufa,a quel tic-tac di sveglia che enfatizza ogni secondo a come da quel posto si può mai vedere il mondo
    a un'esistenza andata in tanti giorni uguali e duri, a come anche la storia sia passata fra quei muri.

    Io ascolto e non capisco, e tutto attorno mi stupisce la vita, com'è fatta e come uno la gestisce,
    e i mille modi e i tempi, poi le possibilità, le scelte, i cambiamenti, il fato,le necessità,
    e ancora mi domando se sia stato mai felice, se un dubbio l'ebbe mai, se solo ora si assopisce,
    se un dubbio l'abbia avuto poche volte oppure spesso, se è stato sufficientesopravvivere a se stesso.

    Ma poi mi accorgo che probabilmente è solo un tarlo di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo:
    non posso o non so dir per niente se peggiore sia a conti fatti la suasolitudine o la mia.

    Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene..." Avrà il marmo con l'angelo che spezza le catene,
    coi soldi risparmiati un po' perché non si sa mai, un po' per abitudine: son sempre pronti i guai.

    Vedremo visi nuovi, voci dai sorrisi spenti: "Piacere", "È mio", "Son lieto","Eravate suoi parenti?"
    e a poco a poco andrà via dalla nostra mente piena, soltanto un'impressione che
    ricorderemo appena.
    http://www.youtube.com/watch?v=J3eHZy14Tyg&feature=related
    buona serata...ciao
  • - René - 13/09/2010 17:20

    Un affettuoso omaggio il tuo!
    Ciao. René
  • Paride Pierini 13/09/2010 16:55

    Una foto densa di emozioni !!
    Paride
  • giuseppe della maria 13/09/2010 16:48

    gli anziani mi commuovono sempre!
    Anche questa tua!
    saluti Giuseppe
    Mendicante a L'Havana
    Mendicante a L'Havana
    giuseppe della maria
  • laura fogazza 13/09/2010 16:42

    un'immagine molto bella...
    laura

Informazione

Sezione
Cartelle VITA
Clic 654
Pubblicato
Lingua
Licenza

Apprezzata da

Preferite pubbliche