Discussione Ultimo messaggio Riposte / Clic
lucy franco

... Gino Lom

Ciao Monica, sono davvero contento di trovarti qui.

Allora, per le tue domande: i concetti che rappresento (anzi, che cerco di rappresentare) raramente nascono da una precisa scelta, il più delle volte derivano da un’idea spontanea di tradurre in immagine un aforisma che già conosco, oppure – e sempre spontaneamente – visualizzo un dato concetto che, poi, supporto con la didascalia che mi sembra più consona. In sostanza, mi riesce molto difficile “programmare” un dato lavoro, preferendo che l’idea si formi senza forzature. Questa è anche la risposta alle tue ulteriori domande: no, non ho mai pensato di sviluppare una serie, né di un singolo autore col suo variegato pensiero né di un singolo pensiero coi suoi variegati autori, perché la percepisco come un sorta di auto imposizione che limiterebbe quella spontaneità a cui accennavo prima (tuttavia, non escludo di tentarla una serie, magari assemblando singole parti realizzate come lavori a se stanti…).

Questo è tutto, spero di aver meritato la sufficienza e soprattutto spero che l’avvocatessa del diavolo non abbia nulla da dire -:))

Ti ringrazio davvero molto per le tue parole che conferiscono pregio alle mie fotine e ti abbraccio con l’augurio di buonissime feste.

Gino
3.307 Clics
lucy franco

... Gianpaolo Giambuzzi

Ti ringrazio per la risposta e ti confermo di conoscere la differenza tra mecenate, mercenario e mercenaria persino senza doverlo andare a leggere sul vocabolario ma devo ammettere che non comprendo lo scopo della lezioncina di semantica, forse persino un poco offensiva, seppure sono sicura non volutamente.
Così come non comprendo cosa significhi paragonare un ritratto di persona con la rappresentazione di scarpe, senza alcun intento polemico, sia ben chiaro: se paragono i diversi scopi e risultati di due mezzi dovrò confrontarli nello stesso ambito quindi ritratto con ritratto e natura morta con natura morta (o still life se si preferisce il termine inglese). Il fatto che in fotografia si fotografi anche un paio di scarpe non lo vedo così distante da una natura morta, anzi le avrei viste bene in chiave metaforica nelle opere di Adriaen van Utrecht (cosa meglio rappresenta la vanità?). Certamente diversi erano gli interessi e se all'epoca dei Medici ci fosse stato un Prada che, da mecenate, avesse finanziato una natura morta con ben in evidenza un suo paio di scarpe per pubblicizzarle nelle corti italiche ed europee sicuramente avrebbe trovato l'artista di nome che le avrebbe ritratte così come c'era chi ritraeva stemmi araldici.
Cambiano gli status symbol. Altresì che la pittura sia interpretazione lo dimostrano i quadri equestri che ritraggono Napoleone Bonaparte: In "Napoleone attraversa le Alpi" di Jacques Louis David ecco spuntare Brad Pitt (presente in diverse opere dedicate al condottiero di cui era convinto sostenitore come per altro Jean Auguste Dominique Ingres) solo che se paragonato alle dimensioni del cavallo aveva pure l'altezza di Michael Jordan.
Non è forse questa un'abile opera pubblicitaria atta a far apparire il committente nella sua luce migliore attraverso un opera di pubblicità ingannevole come diremmo oggi? :-)
Ovviamente esempi non mancano in Italia dove per un Michelangelo ardito e provocatore non manca Daniele da Volterra che non esita a seguire le indicazioni Papali uscite dal Concilio di Trento e coprire le nudità del Giudizio universale (tanto da guadagnarsi il soprannome di Braghettone) dove non ha addirittura cancellato e ridipinto l'opera del suo amico e collega (Santa Caterina e San Biagio per esempio). Che i capi ordinati alla morte di Michelangelo fossero firmati e servissero per sponsorizzare la monumentale opera non c'è dato saperlo (sia chiaro che sto scherzando) ma fatto sta che non sempre e non tutti i pittori sono stati avulsi dalle spire del potere del soldo. D'altro canto anche loro dovevano mangiare.
Quello che intendo dire non è che non vi siano differenze marcate tra il linguaggio espressivo fotografico e pittorico e nella libertà creativa che ciascuna tecnica permette, ribadisco, ma semplicemente che voler rendere scevra la pittura nella sua totalità da componenti commerciali, piaggeristici e/o documentaristici è forse un po' esagerato. Si tratta comunque di un parere puramente e squisitamente personale che però mi sembrava giusto ribadire perchè dagli esempi che hai portato mi sembrava di non essere stata chiara.
19.11.12, 02:29
Ti ringrazio per la risposta e ti confermo di conoscere la differenza tra mecenate, mercenario e mercenaria persino senza doverlo andare a leggere sul vocabolario ma devo ammettere che non comprendo lo scopo della lezioncina di semantica, forse persino un poco offensiva, seppure sono sicura non volutamente.
Così come non comprendo cosa significhi paragonare un ritratto di persona con la rappresentazione di scarpe, senza alcun intento polemico, sia ben chiaro: se paragono i diversi scopi e risultati di due mezzi dovrò confrontarli nello stesso ambito quindi ritratto con ritratto e natura morta con natura morta (o still life se si preferisce il termine inglese). Il fatto che in fotografia si fotografi anche un paio di scarpe non lo vedo così distante da una natura morta, anzi le avrei viste bene in chiave metaforica nelle opere di Adriaen van Utrecht (cosa meglio rappresenta la vanità?). Certamente diversi erano gli interessi e se all'epoca dei Medici ci fosse stato un Prada che, da mecenate, avesse finanziato una natura morta con ben in evidenza un suo paio di scarpe per pubblicizzarle nelle corti italiche ed europee sicuramente avrebbe trovato l'artista di nome che le avrebbe ritratte così come c'era chi ritraeva stemmi araldici.
Cambiano gli status symbol. Altresì che la pittura sia interpretazione lo dimostrano i quadri equestri che ritraggono Napoleone Bonaparte: In "Napoleone attraversa le Alpi" di Jacques Louis David ecco spuntare Brad Pitt (presente in diverse opere dedicate al condottiero di cui era convinto sostenitore come per altro Jean Auguste Dominique Ingres) solo che se paragonato alle dimensioni del cavallo aveva pure l'altezza di Michael Jordan.
Non è forse questa un'abile opera pubblicitaria atta a far apparire il committente nella sua luce migliore attraverso un opera di pubblicità ingannevole come diremmo oggi? :-)
Ovviamente esempi non mancano in Italia dove per un Michelangelo ardito e provocatore non manca Daniele da Volterra che non esita a seguire le indicazioni Papali uscite dal Concilio di Trento e coprire le nudità del Giudizio universale (tanto da guadagnarsi il soprannome di Braghettone) dove non ha addirittura cancellato e ridipinto l'opera del suo amico e collega (Santa Caterina e San Biagio per esempio). Che i capi ordinati alla morte di Michelangelo fossero firmati e servissero per sponsorizzare la monumentale opera non c'è dato saperlo (sia chiaro che sto scherzando) ma fatto sta che non sempre e non tutti i pittori sono stati avulsi dalle spire del potere del soldo. D'altro canto anche loro dovevano mangiare.
Quello che intendo dire non è che non vi siano differenze marcate tra il linguaggio espressivo fotografico e pittorico e nella libertà creativa che ciascuna tecnica permette, ribadisco, ma semplicemente che voler rendere scevra la pittura nella sua totalità da componenti commerciali, piaggeristici e/o documentaristici è forse un po' esagerato. Si tratta comunque di un parere puramente e squisitamente personale che però mi sembrava giusto ribadire perchè dagli esempi che hai portato mi sembrava di non essere stata chiara.
1.871 Clics
lucy franco

... Andrea Minichini

ad abbinare una musica ad una foto? Ce l'hai già in testa mentre scatti? E' un colpo di fulmine che scocca quando la riguardi e decidi per la sua pubblicazione o cosa? Lo so che sono una scocciatrice ma abbi pazienza e soddisfa anche questa curiosità! :-)

xx la curiosità è il "motore di ricerca" del cervello.-)....ed è un piacere risponderti

la musica x me è una sorta di guardaroba...di armadio a muro.o anche di scrigno..ma grande..grandissimo...dove mettere le cose che non metti più per tanti e soliti motivi...cose però che non vuoi buttare..poichè ti "contengono" Cose..che vuoi .."Sapere di averle"...andando a vederle...sentirle...quando la nostalgia sopravanza la coscienza
del se attuale..
un grande scrigno dove mettere anche e sopratutto....i panni...vestiti nuovi...nuovissimi...futuri..in continua evoluzione........................
è dagli anni 70 che esiste questo.....dal giorno .(.anzi dalla notte ) la prima che trascorsi dietro un microfono..a parlare di cosa "mettevo sul piatto"....quando (come ebbi gà a dire) le Radio erano Libere ancorcchè Private.-)
e la gente "beveva " la musica..ed era solo quella che voleva...stanca di parole...era solo quella che voleva...per dedicarla...era solo quella che voleva x consumarla..sentirla e risentirla...memorizzarle...suonarla...registrarla...

e quando abbino un "pezzo".ad una foto..c'è un flash temporale ...riassaporo le sensazioni di allora di quelle notti incredibili..
dove l'emozione di proporre un pezzo..seguiva l'immagine che speravo di stimolare..visualizzare con la voce...
..raccontando un prima.
e mi affido ancora all'emozione.....oggi
si Valentina capita un po tutto quello che dici...
se ho una musica in testa allora cerco o predispongo una fotografia che "parli" di quella musica...ma piu spesso è il contrario....la musica segue...
....e vado a prenderla....nel guardaroba............
...la musica è " rock ma non roll"....è Led Zeppelin non Elvis....è Rolling Stones....non Beatles..ma di chi è o chi la fa..per me non ha molta importanza.almeno per l'abbinamento..amo il rock in tutte le sue forme...prediligendo i rivoli di questo grande fiume innovatore che fu...amo il rock progressivo...metallico hard...ma anche antabuse..disritmico...quello jazz...ma la matrice è sempre rock...
vedi Valentina in realtae secondo me ..la musica "buona"....non è quella che ci si costringe a "sentire "...suggerita dall'amico ....ma quella( suggerita anche dall'amico) che Piace...che senti subito....che ti Emoziona...( e cado sempre li...eheheh).certo l'Insegnamento...l'Apprendimento...di una cultura musicale.della storia....crea basi di un "migliore "ascolto.....piu pernicioso...addentrato nel linguaggio musicale dell'autore...impari a conoscere passaggi armonici altrimenti indifferenti......ma l'emozione nasce o no...indipendente da tutto cio.
esattamente come accade in fotografia...

e quando l'abbino..l'Emozione deve permanere o addirittura..aumentare...osservando la foto ascoltando il "pezzo"....sentendo..iin conclusione.....la musica con la fotografia..deve essere emozione a progressione geometrica.-<99
spero di averti risposto.-)
baci
A
31.10.12, 07:27
ad abbinare una musica ad una foto? Ce l'hai già in testa mentre scatti? E' un colpo di fulmine che scocca quando la riguardi e decidi per la sua pubblicazione o cosa? Lo so che sono una scocciatrice ma abbi pazienza e soddisfa anche questa curiosità! :-)

xx la curiosità è il "motore di ricerca" del cervello.-)....ed è un piacere risponderti

la musica x me è una sorta di guardaroba...di armadio a muro.o anche di scrigno..ma grande..grandissimo...dove mettere le cose che non metti più per tanti e soliti motivi...cose però che non vuoi buttare..poichè ti "contengono" Cose..che vuoi .."Sapere di averle"...andando a vederle...sentirle...quando la nostalgia sopravanza la coscienza
del se attuale..
un grande scrigno dove mettere anche e sopratutto....i panni...vestiti nuovi...nuovissimi...futuri..in continua evoluzione........................
è dagli anni 70 che esiste questo.....dal giorno .(.anzi dalla notte ) la prima che trascorsi dietro un microfono..a parlare di cosa "mettevo sul piatto"....quando (come ebbi gà a dire) le Radio erano Libere ancorcchè Private.-)
e la gente "beveva " la musica..ed era solo quella che voleva...stanca di parole...era solo quella che voleva...per dedicarla...era solo quella che voleva x consumarla..sentirla e risentirla...memorizzarle...suonarla...registrarla...

e quando abbino un "pezzo".ad una foto..c'è un flash temporale ...riassaporo le sensazioni di allora di quelle notti incredibili..
dove l'emozione di proporre un pezzo..seguiva l'immagine che speravo di stimolare..visualizzare con la voce...
..raccontando un prima.
e mi affido ancora all'emozione.....oggi
si Valentina capita un po tutto quello che dici...
se ho una musica in testa allora cerco o predispongo una fotografia che "parli" di quella musica...ma piu spesso è il contrario....la musica segue...
....e vado a prenderla....nel guardaroba............
...la musica è " rock ma non roll"....è Led Zeppelin non Elvis....è Rolling Stones....non Beatles..ma di chi è o chi la fa..per me non ha molta importanza.almeno per l'abbinamento..amo il rock in tutte le sue forme...prediligendo i rivoli di questo grande fiume innovatore che fu...amo il rock progressivo...metallico hard...ma anche antabuse..disritmico...quello jazz...ma la matrice è sempre rock...
vedi Valentina in realtae secondo me ..la musica "buona"....non è quella che ci si costringe a "sentire "...suggerita dall'amico ....ma quella( suggerita anche dall'amico) che Piace...che senti subito....che ti Emoziona...( e cado sempre li...eheheh).certo l'Insegnamento...l'Apprendimento...di una cultura musicale.della storia....crea basi di un "migliore "ascolto.....piu pernicioso...addentrato nel linguaggio musicale dell'autore...impari a conoscere passaggi armonici altrimenti indifferenti......ma l'emozione nasce o no...indipendente da tutto cio.
esattamente come accade in fotografia...

e quando l'abbino..l'Emozione deve permanere o addirittura..aumentare...osservando la foto ascoltando il "pezzo"....sentendo..iin conclusione.....la musica con la fotografia..deve essere emozione a progressione geometrica.-<99
spero di averti risposto.-)
baci
A
2.050 Clics
vers
le haut