“Le mani, le mani, che sanno di mare, che sanno di terra, che sanno di pane…” protagoniste della Mostra on line di ilmondodieLiot (Cristina Finotto)

Suggeriscono silenzio , mentre  si osservano,  le immagini della Mostra di ilmondodieLiot (Cristina Finotto) Autrice ospite della sezione “Mostre on line” di Fotocommunity. it

“Le mani, le mani, che sanno di mare, che sanno di terra, che sanno di pane…

(…) mani che lavorano, che si adoperano in mille mestieri, in mille azioni quotidiane, in gesti carezzevoli verso le cose più semplici ed essenziali in quel mondo fatto di terra e acqua, elementi che Cristina, assieme alla sua gente del Polesine, vivono nella loro essenza più profonda” (Cristina Finotto)

Le mani, che lei usa per raccontare ancora una volta come piccoli quadri, la sua gente, la sua storia, vivificano antichi riti, oggetti simbolici, ricordi fatti di  materia fragile, o semplicemente, raccolte su sè stesse, riposano. Al centro di inquadrature ravvicinate, in un bianco e nero che ricorda le antiche tradizioni fotografiche, seguiamo il tempo usato  lasciare solchi profondi  in quelle mani. Cristina li  interpreta con dolcezza, li onora con le sue fotografie, li restituisce a chi guarda, offrendo la parte più nobile della loro storia: il tempo del lavoro e il tempo del riposo, di una età grazie a lei, ancora una volta sottratta all’oblio.

 

1.704 pensieri su ““Le mani, le mani, che sanno di mare, che sanno di terra, che sanno di pane…” protagoniste della Mostra on line di ilmondodieLiot (Cristina Finotto)

Register now or log in to write comments.

  1. grazie luigi
    e naturalmente grazie a stefano :) (errata corrige:))
    un caro saluto dal PO

  2. veramente un bel racconto per immagini,il fascino del bianco nero poi rende il tutto molto efficace,complimenti.

  3. grazie stafano:)
    un caro abbraccio

  4. Molto bella la tua esposizione/racconto, tutti scatti molto emozionanti. Due in particolare per me: “nei miei inverni” e “promesse di fedeltà”…mi ha sempre colpito quel gesto di stringere l’una nell’altra le proprie mani, spesso è espressione di solitudine, a volte un’impercettibile richiesta d’aiuto che credo venga direttamente dall’anima, un gesto involontario come lo è il respirare
    Complimenti Cristina…

  5. ” le mani hanno una storia , una cultura, una particolare bellezza ” (Reiner Maria Rilke) e tu lo hai percepito. Luca VOG
    grazie mille :)

  6. V.O.G. -

    grazie dell’aiutino ….. vedasicommento sul tuo profilo a propositodi codesta …. son pigro e non lo ricopio

    ma ne sai una più dell divolo ….in fatto di tecnologia da applicare alla commentatio

  7. grazie a L2lui, e grazie a Paolo per le parole alla mia mostra…
    davvero gentili tutti,
    un caro saluto dal Po

  8. Belle immagini e bell’idea quella di raccontare la storia e il lavoro (e la vita) attraverso le mani!! Per l’idea mi ricorda un pò lo Scola di ‘Ballando ballando’ che raccontava la storia attraverso i piedi. Ho appena visto il film ‘Terra madre’ di Ermanno Olmi: le tue immagini si inseriscono perfettamente in quel solco di ispirazione, complimenti!

  9. L2lui -

    Bellissima foto mi fà brividi ♥
    complimenti

  10. Sehr einfühlsam – Gedanken & Text…
    Gratuliere dir Cristina….

  11. grazie fabrizio, grazie a tutti
    :)

  12. complimenti per tutta la serie.
    f.

  13. grazie Carlo, non è affato vero che non hai saputo raccontare le mani con le tue immagini perchè alcune delle tue foto me le ricordo ancora molto bene, le mani piccole dentro le mani grandi per es., e se una foto ti resta dentro vuol dire che la foto non è affatto scarsa…anzi è stata pura emozione guardarla, ciao caro amico e grazie ancora per il tuo intervento. eLIOT:)

  14. Il Tuo modo di raccontare….le mani è davvero da ammirare!
    Anche io nel mio piccolo qualche volta ci ho provato….ma con scarso risultato.
    Tu ha saputo trovare la chiave giusta Complimenti sinceri!