“Aria” di LAURA DADDABBO è il nuovo ingresso nella GALLERIA DELLO STAFF

La GALLERIA DELLO STAFF conta un nuovo ingresso, la splendida “Aria” di LAURA DADDABBO 

Il profilo puro, di una bellezza classica senza tempo, cesellato nella luce morbida che rinuncia ai  neri profondi per rendere meno criptico e claustrofobico il luogo, è ciò che per primo viene incontro al nostro sguardo.
Nel suo gesto, senza disperazione ma fatto di desiderio, il desiderio di tutti noi, la propensione verso la luce come sinonimo di luogo aperto, libertà sconfinata, ancora troppo in alto, ancora troppo ostacolata da sbarre che sembrano allontanare ancora di più la piccola sorgente di luce, così promettente.
Niente è superfluo, e niente è troppo poco.
 Il racconto, come un eloquente lampante haiku si fa strada nella nostra mente, attraverso i nostri occhi, e resta nel nostro ricordo, come un dolce deja vu dei nostri desideri. 

 

Complimenti!

7 pensieri su ““Aria” di LAURA DADDABBO è il nuovo ingresso nella GALLERIA DELLO STAFF

Register now or log in to write comments.

  1. Un enorme grazie Mauro, lusingata e felice per le parole gentili che hai voluto dedicarmi. Ed anche a te le mie sentite scuse per il ritardo, mi erano sfuggiti gli ultimi commenti.

  2. Grazie infinite Matteo delle parole belle e perdona, per favore, il mio ritardo non voluto…non avevo ancora visto il tuo pensiero. Grazie ancora. Laura

  3. Che in questi momenti si trasforma in una perforante nostalgia di essa, nella speranza di riconquistarla e riaverla fra le nostre braccia al più presto e poterla baciare per ricongiungere la speranza alla realtà.
    Solo i grandi artisti come te Laura sanno racchiudere in un opera i nostri veri sentimenti e le nostre intime emozioni,
    un abbraccio,
    Mauro

  4. Grande scatto per ideazione, metafora e realizzazione tecnica. L’ ingresso nella GALLERIA, per il suo denso racconto emozionale, è pienamente meritato, Laura.

  5. E molte grazie Alberto :-)))

  6. Grazie!!!!
    Riscrivo anche qui la mia riconoscenza e la mia contentezza per il riconoscimento e le parole.
    Una lettura bellissima per questa mia fotografia che voleva, già nelle intenzioni, essere proprio l’espressione di un anelito alla luce ed alla libertà così compromesse da questo lungo e triste momento buio.