EMOZIONI PARALLELE è il titolo del volume di fotografie che accompagnano il romanzo autobiografico di MAURO STRADOTTO

 “Emozioni Parallele” del nostro amico MAURO STRADOTTO  è terminato e acquistabile on line, pronto per essere osservato, letto e ammirato: si tratta di un romanzo autobiografico che è anche giuda turistica dell’Alto Adige e del Tirolo, accompagnato dalle foto inconfondibili di Mauro, edito in grande edizione lusso.
Per tutti i dettagli si può contattare l’Autore anche tramite la messaggeria interna a Fotocommunity
Complimenti a Mauro, appassionato fotografo e cultore di questi meravigliosi luoghi

“CORTILI E CHIOSTRI” è stato il tema della MINIGARA DI OTTOBRE vinta da ADRIANO PERANI, AGIM ZEQIRI E LUCIANO CALDERA

La MINIGARA DI OTTOBRE con tema “CORTILI E CHIOSTRI” si è appena conclusa con la votazione degli amici che vi hanno partecipato. Il conteggio dei voti da parte del nostro curatore   ANGELO FACCHINI  coadiuvato dall’amico MAURIZIO MARTELLA ha decretato le foto vincitrici.

Le prime tre foto classificate verranno pubblicate in home. Il passaggio in home è previsto se le foto non ci sono mai andate per altri motivi (vedi, per esempio, la promozione in galleria).

Questa la classifica delle prime tre posizioni:

al primo posto “…riflessi e luci…” di ADRIANO PERANI  un meraviglioso effetto sdoppiato unito a colori acquerellati e ad una scansione ritmica tra chiari e scuri originanti volumi rotondi.

al secondo posto “Silenzio” di AGIM ZEQIRI raccontato attraverso i raggi del sole che segnano una rottura della omogeneità dello spazio, creando dinamismo attraversato dall’uomo, in un  netto b/n.

al terzo posto “Verona – Chiostro del Duomo” di LUCIANO CALDERA una architettura ripresa dal gioco di luce ed ombre delicatamente efficace sulla teoria dei pieni e dei vuoti.

Complimenti ai tre amici vincitori e a tutti i partecipanti.

Vi aspettiamo nel forum della MINIGARA di NOVEMBRE a tema “Fantasie creative”

ANN MARI CRIS ASCHIERI, AGIM ZEQIRI E ANGELO ALOISI si aggiudicano il podio della MINIGARA di SETTEMBRE 2020, a tema “Il bianco e nero – paesaggi urbani e street”

Dopo la pausa estiva è tornata la MINIGARA di SETTEMBRE con tema “Il bianco e nero  – paesaggi urbani e street” e si è appena conclusa con la votazione degli amici che vi hanno partecipato. Il conteggio dei voti da parte del nostro curatore   ANGELO FACCHINI  coadiuvato dall’amico MAURIZIO MARTELLA ha decretato le foto vincitrici.

Le prime tre foto classificate verranno pubblicate in home. Il passaggio in home è previsto se le foto non ci sono mai andate per altri motivi (vedi, per esempio, la promozione in galleria).

Questa la classifica delle prime tre posizioni:

al primo posto “st” di ann mari cris aschieri, il b/n del silenzioso paesaggio caratterizzato fortemente dai fregi dei palazzi antichi e dell’acqua con i suoi riflessi.

al secondo posto ” Genova, notturno” di Agim Zeqiri una  composizione suggestiva, che crea una  spirale attrattiva per lo sguardo, fra riflesso e luci, nel formato verticale che asseconda le linee.

al terzo posto “Il cardo del quartiere EUR” di Angelo Aloisi suddivisione dello spazio con le colonne che dividono in due l’immagine. Tra luce e ombra, la scenografica magnificenza dei palazzi.

Complimenti a tutti i partecipanti e ai nostri tre vincitori

LAURA DADDABBO premiata nell’evento “LOCKDOWN- sospesi in casa” , espone il suo progetto “Time in a bottle” presso la Galleria d’ Arte Moderna a Catania, dal 3 al 30 Ottobre 2020

Laura Daddabbo partecipa, con tre fotografie premiate come miglior progetto, all’evento satellite “Lockdown-Sospesi in casa”, evento nato da un contest indetto dall’agenzia milanese GT Art Photo Agency in collaborazione con   F2 Progetti per la fotografia , associazione fotografica di Catania

 https://www.eventofeelinghome.it/home/mostra-lockdown/

Grazie alla commissione di fotografi professionisti GT Art che ha saputo raccogliere i segnali del tempo e valutare con pazienza e passione i tanti lavori ricevuti, cogliendone le differenze di approccio, di linguaggio e di metrica espressiva nel valutare contenuti, progettualità e tecnica.

La selezione dei lavori individuati come più interessanti sarà esposta alla Galleria d’Arte Moderna di Catania contestualmente alla Mostra fotografica “FEELING HOME, Sentirsi a casa” per tutto il mese di ottobre 2020. “FEELING HOME- sentirsi a casa”

Tutte le opere saranno esposte dal 3 al 30 Ottobre 2020 presso la Galleria d’ Arte Moderna (GAM) in via Castello Ursino 32, Catania

 

 

Fotografia di Laura Daddabbo | Progetto "Time in a bottle"

Fotografia di Laura Daddabbo | Progetto "Time in a bottle"

Fotografia di Laura Daddabbo | Progetto "Time in a bottle"

 

Complimenti a Laura, autrice narrante sensibile del suo tempo.

 

“Aria” splendida e poetica immagine di LAURA DADDABBO, tra gli scatti per l’evento “Sine Die” in mostra a Catania, al Palazzo della Cultura

Riportiamo dal quotidiano Repubblica edizione Palermo“Catania, 122 scatti di fotografi in mostra fino a quando non sarà trovato un vaccino per il Covid-19”

Tra le foto in mostra c’è “Aria” splendida e poetica realizzazione della nostra LAURA DADDABBO , che già qui su Fotocommunity abbiamo ammirato, e presente nella Galleria dello Staff, con la seguente recensione:

“Il profilo puro, di una bellezza classica senza tempo, cesellato nella luce morbida che rinuncia ai  neri profondi per rendere meno criptico e claustrofobico il luogo, è ciò che per primo viene incontro al nostro sguardo.
Nel suo gesto, senza disperazione ma fatto di desiderio, il desiderio di tutti noi, la propensione verso la luce come sinonimo di luogo aperto, libertà sconfinata, ancora troppo in alto, ancora troppo ostacolata da sbarre che sembrano allontanare ancora di più la piccola sorgente di luce, così promettente.
Niente è superfluo, e niente è troppo poco.
 Il racconto, come un eloquente lampante haiku si fa strada nella nostra mente, attraverso i nostri occhi, e resta nel nostro ricordo, come un dolce deja vu dei nostri desideri.” 

Dopo essere stata selezionata tramite un contest, è  in mostra  al Palazzo della cultura di Catania, nell’ambito della bella mostra “Sine Die” legata al Covid19, organizzata dalla Fondazione Oelle Mediterraneo Antico.

L’iniziativa è di Ornella Laneri, imprenditrice e presidente della Fondazione Oelle Mediterraneo Antico, che con il progetto “Sine Die” ha invitato artisti, e non solo, a raccontare la propria esperienza soggettiva, con una fotografia e un testo di accompagnamento.

Laura ci porta sempre bellissime notizie, e per noi è un privilegio averla qui.

Congratulazioni!

MAURO STRADOTTO collabora con l’editore LIETO COLLE per un libro di Giovanna Sicari “Roma della vigilia”

Edito da Lietocolle (nostro valoroso partner) è stato pubblicato da poco il libro dedicato alla grande poetessa di Roma Giovanna Sicari scomparsa prematuramente a soli 49 anni nel 2003, “Roma della vigilia”.
Una immagine del nostro amico MAURO STRADOTTO , già copertina del libro “Nulla torna indietro mai” è stata prescelta come unica foto per introdurre la raccolta di poesie.
Bene editore e curatori hanno fatto a riproporre Roma della vigilia in una nuova e luminosa edizione, a cui si accompagnano un’immagine altrettanto luminosa di Giovanna e una foto “romana” di Mauro Stradotto.” le parole di Elio Grasso, in recensione.
La foto è stata particolarmente apprezzata dagli editori e dai lettori e in molti hanno chiesto notizie sulla location.
 
L’  elaborazione originale a colori
e qui di seguito  la  prescelta per i due libri col particolare  dell’ antica strada romana che costeggia la chiesa dei Santi Luca e Martina.
Complimenti a Mauro da tutti noi!

MAX CALLARI partecipa con “ANIMAVOLTO” alla edizione 2020 del MESE DELLA FOTOGRAFIA – WEFO2020 dal 25 Settembre al 18 Ottobre, a ROMA

E’ ormai imminente l’edizione 2020 del Mese della Fotografia di Roma che quest’anno prenderà il nome di WEFO2020 ovvero weekend fotografici organizzati come sempre dalla Casa della Fotografia dal 25 settembre  al 18 ottobre.

Anche il nostro Max Callari parteciperà con il suo nuovo progetto fotografico intitolato ANIMAVOLTO che sarà presente durante tutto il periodo della manifestazione come “mostra online”.
Animavolto è composto da 30 primissimi piani in bianco e nero caratterizzati da inquadrature non convenzionali.

E’ una sorta di racconto fotografico realizzato grazie alla preziosa collaborazione di Massimiliano Caprara noto attore di teatro, cinema e fiction, che ha accettato con grande entusiasmo e partecipazione di essere il “soggetto fotografico” e di “raccontare” una parte di sé stesso attraverso sfumature, gesti, pensieri, sguardi.

La realizzazione del progetto è stata possibile anche grazie al contributo di Andrea Striano il Drago (conduttore radiofonico e produttore) ed è stata dettata dalla passione che Max Callari nutre da sempre per la ritrattistica ma anche dal desiderio di realizzare in modo intelligente e ironico qualcosa che si potesse distaccare un po’ da questo difficile periodo storico riuscendo ugualmente a far riflettere.

 

 

“LA SPIAGGIA” è il tema del CONCORSO FOTOGRAFICO promosso dal MUSEO NAZIONALE DELLA FOTOGRAFIA di BRESCIA

L’ amico IVAN ZANOTTI  ci rende nota una interessante iniziativa del MUSEO NAZIONALE DELLA FOTOGRAFIA di BRESCIA: Il CONCORSO FOTOGRAFICO “La spiaggia”

08 la spiaggia

Sabato 5 Settembre 2020 alle ore 16, nella Sala Mostre e Conferenze in Contrada Carmine, 2F a Brescia , verranno proiettate le fotografie presentate in sala e giudicate dalla giuria e si accetteranno unicamente fotografie a colori.

La fotografia vincitrice verrà pubblicata nella homepage del sito del museo per un mese e verrà stampata dal laboratorio fotografico Gusmeri ed esposta sino al concorso successivo all’interno della sala mostre del Museo.

I primi 3 autori con foto classificate tra le prime 5 verranno premiati con buoni d’acquisto per materiale fotografico o equivalente

Qui è possibile leggere il regolamento completo del concorso.

 

IL RITRATTO E LA FORMA DEI NUDI “SCATTI IN UN INTERNO” è la mostra di PIETRO DE ANGELIS a Tolfa (ROMA) che si inaugura il 28 Agosto 2020

Il nostro amico PIETRO DE ANGELIS ha raccolto 72 lavori sul nudo,  in una mostra fotografica dal titolo “IL RITRATTO E LA FORMA DEI NUDI – SCATTI IN UN INTERNO” che si inaugura il 28 Agosto 2020 presso l’ atrio del Palazzo Comunale di Tolfa (ROMA).

Nei tanti anni qui su Fotocommunity, Pietro ha arricchito il nostro Canale Nudo con una sezione a lui dedicata, testimonianza di stile e tecnica, inconfondibile mood ormai riconoscibile da tutti, e da tutti ammirato.

Qui di seguito le presentazioni alla mostra, scritte dal Sindaco di Tolfa, sig.Luigi Landi,  dalla curatrice vice Sindaco di Tolfa sig.ra Stefania Bentivoglio,   e da  Lucy Franco, che segue da anni l’evolversi della cifra stilistica di Pietro chesi riveste del magistrale bianco e nero preciso e rivelatore dell’ intima armonia di cose e uomini, si annida nelle delicate cromie, nelle forme evolute in pura astrazione, risplende nelle classicheggianti visioni di corpi sinuosi, traccia percorsi intimi e si proietta in paesaggi umani “.

La mostra sarà visitabile fino al 6 Settembre 2020.

 

ERAS PERANI crea un racconto tra parole e immagini, surreale ed ironico “El portava i scarp del tennis”

ERAS PERANI  presenta, come lui stesso l’ha definita, una  “piccola storia semiseria”, un racconto tra l’ironico ed il surreale,  scandito da fotografie, protagoniste le sue scarpe da tennis, chiara  citazione del suo amore per Jannacci.

“El portava i scarp del tennis” è il titolo del volume, che porta con se tutta la cifra stilistica del nostro amico Eras.

Leggiamo dalla introduzione, qualche passaggio illuminate nelle parole dell’ Autore:

“La fotografia è un ologramma creato dalla mente, è un mezzo per comunicare e per comunicare necessita di riflessioni, di pensieri, di progetti.
L’abecedario delle immagini ha le sue linee guida, comporre parole che abbiano un senso significa pensarle, rivederle e il più delle volte cestinarle.” 

“Non mi chiedo mai cos’è o dov’è, mi chiedo sempre cosa vorrei che sia e dove vorrei essere, solo così penso di non perdere il mio “sguardo incantato” nel caso ce l’avessi.
Quando esco a fotografare non penso a dove andare, prendo la macchina fotografica e vagabondo, più o meno senza meta, il paradiso dei fotografi non è un posto dove andare, è uno stato mentale.
Le fotografie non solo le “guardo”, le ascolto anche, da vicino sussurrano sempre.”