Seconda tappa della Mostra itinerante “Projet 192″ nella Repubblica di San Marino, dal 25 Ottobre al 15 Novembre 2014

Dopo la prima italiana a Padova di “Projet 192″, continua il percorso del progetto nato da una idea di Ciro Prota : l’11 marzo 2004 a Madrid, esplodono quattro treni regionali pieni di pendolari, in quattro stazioni diverse della città provocando 192 vittime e  2057 feriti. Una grande anima collettiva di persone, 192, che lavorano con l’immagine,  interpretano vite di persone mai conosciute, con il solo scopo di non cancellare il loro ricordo.

Fotocommunity ha seguito fin dal suo nascere il progetto: ricordare quei morti e quel giorno per dare un contributo alla memoria collettiva.

Moltissimi gli amici di Fotocommunity Autori del Projet192, che hanno dato il loro prezioso, unico e personalissimo contributo, a testimonianza degli intenti comuni, della collaborazione, e del lavoro vissuto condividendo una iniziativa così alta, con un atteggiamento costruttivo e collettivo

Adesso è la volta della seconda tappa di questa Mostra itinerante.

Dal 25 Ottobre al 15 Novembre 2014 nella Repubblica di San Marino, il “Projet 192″ sarà ospite presso il Palazzo SUMS in via G.Belluzzi n.1, con inaugurazione alle ore 16, a cui seguirà il dibattito sul tema della fotografia come “Costruzione della memoria, memoria è costruzione”.

invito-mostra

I fotografi partecipanti al Projet 192 saranno accolti in udienza dai Capi di Stato di San Marino, i due Capitani Reggenti, al Palazzo Pubblico.

la Mostra ha altresì il patrocinio del Dicastero alla Cultura della Repubblica di San Marino, e della Segreteria di Stato Affari Esteri.

Un appuntamento importante e prestigioso per tutti coloro che vorranno essere presenti nei giorni della permanenza della Mostra.

 

Paolo Barbaresi e la sua stenopeica in un inno per “Questa Terra è la mia Terra” a Pesaro

“Questa Terra è la mia Terra” è il titolo della personale di Paolo Barbaresi a Pesaro, presso Nero Caffè in Piazza del Popolo, dal 26 Ottobre al 30 Novembre 2014, un inno alla sua Terra in 15 stampe da ripresa con macchina stenopeica.

unnamed

 

“La fotocamera stenopeica è la vera protagonista di questo evento, con le sue creazioni, fotografie di sofisticata realizzazione in cui prende forma sommessamente una smaterializzazione della realtà che ci interroga, ci sfida quasi a valicare gli angusti confini del banale guardare.
Queste fotografie hanno sapienza: di composizione, di tecnica, di forza comunicativa, quella che sa cogliere la purezza dell’attimo irripetibile in cui luci e ombre convergono in un unico punto perfetto.
Paolo ha alta consapevolezza della tecnica fotografica, le sue immagini sono perfette, equilibrate, di somma eleganza, sfilano davanti ai nostri occhi come momenti eterni, in cui si condensa il significato intimo di un ricordo, di un riverbero di nostalgia.
Attimi di un tempo che scandisce e segna, e attraversa lentamente queste fotografie, esplorando pause apparentemente immote.
Si entra nelle immagini oltrepassando ciò che vediamo, ciò che è evidente, per individuare il focus carico di senso.
Ci accolgono forme su cui ricercare le nostre solitudini, paesaggi dalle linee essenziali, pennellate di luce sottile, assoluta, a dirci quanto universali possano essere, lasciando che la vita stessa sussurri di atmosfera e di respiro.
Contrassegni stilistici di un linguaggio poliedrico cesellato da un Autore in perenne ricerca, e per questo affascinante e autentico, come il suo sguardo sempre in attesa della meraviglia.
Oltre il territorio labile al confine tra cielo e terra, questo sguardo accoglie nei suoi spazi i canti della nostalgia, l’inqueta nostalgia delle origini che scava fino all’essenza. Microcosmi privati dilagano fino a essere canone universale che assume a volte forme ancestrali, a volte possibili storie, nuove nella impostazione e negli esiti, nel gioco infinito tra lo sguardo e l’immagine, percorrendo luoghi di silenzio e anima.
E la fotografia raccoglie il tempo immobile, che si lascia contemplare”

(dalla presentazione a cura di Lucy Franco)

 

Per “I nostri Maestri” Luciano Bovina ci racconta della sua straordinaria carriera, in un colloquio come un “Diario di viaggio”

I suoi inizi lo hanno visto come assistente fotografo-navale imbarcato sulla nave oceanografica “Staffetta”, poi negli anni ’70 collaborare con l’agenzia sportiva “Attualfoto”, curando l’ambiente della Formula Uno e dei Rally.
Come cineoperatore realizza per “Autosprint”, nel programma televisivo “Telesprint”, più di 80 filmati di Gran Premi.
Dal 1983 al 1990 ha fatto parte della troupe mobile “Jonathan” di Fogar. Infine la svolta verso il reportage e il documentarismo puro. Dal 1983 in oltre trent’anni, ha visitato più di 70 nazioni e collaborato alla realizzazione di oltre 62 documentari e film, per la televisione italiana ed estera.
E la lista delle sue prestigiose collaborazioni potrebbe continuare ancora….ma arriviamo più vicini ai nostri anni:
nel Gennaio-Febbraio 2005, Gennaio-Febbraio 2007 e nel Novembre-Dicembre 2008 ha partecipato alla realizzazione di filmati nell’estremo Nord-Est della Siberia invernale.

niger-people-f811d603-f9d1-4719-9183-538e1a9eaedc

Ultimamente ha realizzato filmati sulle etnie al confine Nord-Est dell’India con Bhutan e Cina, e un reportage a Cuba sulla produzione e lavorazione del tabacco e sulla “ Santeria ”oltre ad uno recente al confine tra Sudan ed Etiopia.
Nel 2014, per tre mesi, e stato in Australia per una importante guida internazionale.

Questa la storia professionale ( benchè molto sintetizzata per motivi di spazio) del nostro Maestro Luciano Bovina che annoveriamo con molto orgoglio tra i nostri utenti, e che ci regala un interessantissimo colloquio per lo spazio “I nostri Maestri”

Enrico Doria apprezzato Autore dai RENCONTRES di Arles a “Il Fotografo”, con la sua Holga

La massima manifestazione in campo fotografico, I RENCONTRES di Arles, quest’anno ha accolto nei suoi spazi anche Enrico Doria con Esprits, ampio progetto realizzato interamente con la Holga, notizia ripresa con largo spazio anche dalla rivista di settore più prestigiosa  “Il Fotografo” n.264.

Alcuni scatti, come questo, abbiamo potuto ammirare anche qui, su Fotocommunity, dove Enrico da tantissimo tempo è un ospite che ci dà prestigio con le sue rappresentazioni visive  di intelligenza fotografica e di  profondità di senso.

enrico doria

Dalla stessa rivista leggiamo”Si tratta di un progetto – diario, una serie di appunti fotografici che parlano di memorie sbiadite e di ricordi accennati, che spesso si presentano come fossero spiriti. Sono le doppie o le  lunghe esposizioni a rappresentare la fugacità e tutta l’effimeratezza di figure umane, di animali, luoghi o strade, a volte appena accennati, e che si sovrappongono ricreando qualcosa che li stacca definitivamente dalla realtà”.

Complimenti Enrico, Autore di indiscutibile bravura.

 

“Mexican blues” di Paolo Barbaresi, 14 frame come un film, nella sezione Mostre on Line

Il nostro spazio “Mostre on line” segna un nuovo capitolo, con Paolo Barbaresi, e con la sua “regia” nel tracciare attraverso 14 fotogrammi la trama di un rarefatto film.

All’esterno una luce accecante, quella di tutti i Sud del mondo, all’interno tra ombra e penombra, filtra un’ atmosfera di attesa sospesa, in cui i due protagonisti intessono questa storia, fotogrammi spogli di ridondanze inutili, eloquenti nella ambientazione caratterizzata con pochi, essenziali elementi.
Paolo crea un universo appena accennato, dosando frammenti di reale.
Se ci si sofferma con lo sguardo, è possibile quasi sentire il suono che l’accompagna, quello di una chitarra, e quello ancora da venire di pistole e rabbia.
“Mexican blues” srotola il suo racconto, e le fotografie di Paolo Barbaresi, nei 14 frame di questa mostra on line ne raccolgono l’essenza.

3

 

Massimiliano Uccelletti è il Fotografo del Mese di Ottobre 2014

E’ una donna moderna, un po’ tormentata , più spesso consapevole della propria bellezza, il soggetto elettivo di Massimiliano Uccelletti, il nostro Fotografo del Mese di Ottobre 2014.
Una visione intelligentemente fotografica sottende tutte le immagini di Massimiliano, sia nel colore che nel b/n , capace di enfatizzare la perfezione  dei corpi, tanto da farli diventare testimonianze classiche di canoni che vengono da molto lontano di una bellezza senza mode e senza tempo, o espressione esteriore di un sentimento o una suggestione che nasce dal profondo dell’anima, o da un pensiero.

Eleganza formale e perfezione tecnica, una grammatica visiva e un approccio stilistico inconfondibile, questa la cifra di Massimiliano, la firma immancabile sotto ogni sua Fotografia.

Leggendo  con attenzione il suo testo di presentazione, conosceremo meglio e di più la sua vasta esperienza e la sua grandissima passione.

Terminata la Minigara di Settembre 2014, la foto vincitrice è “Mancanze reciproche ” di Angelo Aloisi

Il tema fotografico della  Minigara di Settembre 2014  appena conclusa, alla quale hanno partecipato i nostri amici  è stato: Concetto ed espressione (rigorosamente in BN)

Angelo Facchini, il nostro curatore,  ha reso nota la classifica delle tre fotografie che hanno ottenuto più preferenze e che verranno pubblicate in home. Il passaggio in home è previsto se le foto non ci sono mai andate per altri motivi.

La fotografia che si aggiudica il primo posto e verrà di diritto inserita nella “galleria minigare” è: “Mancanze reciproche” di Angelo Aloisi

mancanze-reciproche-5fef534b-6b73-417b-a2bf-516d7a6d0656

 

al secondo posto: “What’s behind the corner” di Ann Mari Aschieri

067f4e07-4e00-4336-876e-1008a9704302

 

e a pari merito : “un carrarmato sia con stella rossa che con stella bianca è sempre un carrarmato” di Luigi Boeris

n629-8257902d-c02b-467b-9aac-3d97b850ff6c

infine al terzo posto: “silenziosAttesa” di Anna Boeri

0676a28e-f272-49ef-842f-e7081f6d5836

 

Complimenti a tutti i partecipanti e ai quattro vincitori!

Giovanni Sarrocco si aggiudica il terzo premio al Concorso fotografico nazionale “Le giostre d’Italia”

Il nostro amico Giovanni Sarrocco da anni presenza costante di Fotocommunity, si aggiudica per la seconda volta il terzo posto sul podio del Concorso fotografico nazionale “Le Giostre d’Italia (Quintane e Palii) e la Giostra cavalleresca di Sulmona”, tradizione  di matrice rinascimentale famosa  in termini di storia, arte, cultura.

La rievocazione storica operata dai quattro sestieri e i tre borghi che costituiscono la mappa della città di Sulmona culmina con l’assegnazione del palio ogni anno disegnato da un artista di fama internazionale.

La fotografia di Giovanni coglie sapientemente una sorta di back stage della manifestazione, dai colori evocativi.

SARGIOB4ISTRUZIONI 3° premio

GSarrocco

Complimenti a Giovanni per questo secondo premio consecutivo!

 

Emme Divi in mostra con “PROCEDURE ERMETICHE” a Thiene (Vi) dal 27 Settembre al 6 Ottobre 2014

“PROCEDURE ERMETICHE” è il titolo della personale di Emme Divi (Marcella Dalla Valle).

Un “racconto per immagini che trascendono la nostra dimensione di spazio/tempo fino a dissipare il confine fondamentale tra il guardare e il vedere.
Vorremmo entrarci dentro, vivere più a lungo possibile questi “infiniti istanti” che albergano nelle sue fotografie: non dimostrano, non urlano, non sentenziano verità, ma iniettano intuizioni e con la forza dell’ archetipo illuminano la zona sepolta dell’anima, declinando nell’alfabeto silenzioso della luce, racconti che non saremmo stati neppure in grado di immaginare.

Una meravigliosa immersione nel mondo immaginifico di Marcella attraverso le sue stampe, da osservare con lo sguardo dell’anima.

 

Galleria D’Arte Moderna – Thiene (VI),  via Santa Maria Maddalena dal 27 Settembre al 6 Ottobre 2014.

emmedivi_PE (3)

EDITORS’ CHOICE diventa anche una rivista on line, periodicamente arricchita da nuove selezioni

La nuova galleria di Fotocommunity.it EDITORS’ CHOICE  diventa anche una rivista on line per essere accessibile in modo facile e diretto ai tantissimi  appassionati di fotografia, un ulteriore luogo periodicamente arricchito da nuove selezioni operate dallo staff, di fotografie precedentemente pubblicate su FC dai nostri utenti, che emozionano, stupiscono,  coinvolgono per bellezza, per il concetto o per preziosità tecnica.

 

image1

Questa nuova tappa del percorso di EDITORS’ CHOICE arriva dopo la creazione di un spazio dedicato anche su Facebook

ebdacabf

Tante possibilità per trovarci, e trovare le nostre migliori selezioni.