LUCA FORNACIARI, astrofotografo, in un interessantissimo e rivelatore colloquio con noi per la rubrica”QUALCHE DOMANDA A …”

LUCA FORNACIARI,  da qualche tempo ospite di Fotocommunity.it, astrofotografo appassionato, organizzatore di  serate divulgative fotografiche, osservazione del cielo, mostre fotografiche, corsi e workshop di astrofotografia e paesaggistica notturna, ha risposto alle nostre domande in una interessantissima e rivelatrice intervista, per la rubrica ” QUALCHE DOMANDA A …”

“L’astronomia fino dalle prime missioni astronautiche ci racconta che a pochi chilometri dalla superficie del nostro pianeta non soltanto scompaiono i confini, ma addirittura ogni traccia dell’uomo. Ci insegna che il nostro è un piccolissimo pianeta tra tanti altri e che l’unica strada che ci si pone davanti è appunto quella di un’unica grande civiltà capace di lavorare insieme, proprio come già accade sulla stazione internazionale in orbita.

L’astrofotografia mi permette di parlare di questi temi a tante persone, perciò sì, è in grado di cambiare la prospettiva nel vedere le cose, anzi, la motivazione etica è alla base delle mie attività.”

Questa è solo una delle tante risposte di Luca, e molto altro ci aspetta leggendo l’intervista.

Grazie infiniti a questo splendido fotografo.

@Luca Fornaciari “Nebulosa Aquila”

“LA CITTA’ DELLE DONNE” mostra itinerante, ospite a CARRARA, dal 22 Settembre al 13 Ottobre 2018, al Museo Civico del Marmo

“LA CITTA’ DELLE DONNE” è ormai un progetto di Mostra diventato itinerante, per l’importanza del tema trattato.

Leggiamo infatti nelle note introduttive:

“Una città può essere intesa come un campo addensato di pratiche sociali ed economiche. Un ecosistema capace di generare e ospitare attività di vario genere. La creazione del valore si combina oggi con la vita cittadina e con la produzione di eventi, anche di natura culturale. È questo un tema non sempre tenuto in primo piano. Vogliamo proporre un viaggio senza muoversi da casa, attraversando le sottili linee del pensiero. Immaginando una città differente, una città con al centro l’universo donna.

Gli autori con 44 fotografie ci porteranno all’interno di una città dove i valori scoraggianti del silenzio e della solitudine troveranno l’alternativa in uno squarcio di affollata e creativa presenza. Dove dal passato al futuro, in continua accelerazione, si mostrerà un’alternativa senza tempo rappresentata da uno squarcio di presente continuo e solidale. Vorremmo una città dove la paura dei ti amo da morire fosse sostituita con la felicità dei ti amo da vivere.”

Ne avevamo dato notizia qui quando ha avuto la sua inaugurazione. e adesso seguiamo con interesse le sue tappe.

Adesso è la volta di Carrara, precisamente al Museo Civico del Marmo, in via XX Settembre, 85, dal 22 Settembre al 13 Ottobre 2018 nell’ambito della più ampia manifestazione “Guardare o vedere”

manifesto selvazzano

 

Un TE’ FOTOGRAFICO dal tema” “PAESAGGIRE”, guardare è anche vedere?” con le fotografie di ERAS PERANI, sabato 15 Settembre 2018, nella Chiesa di S. Bartolomeo in Albino

Eras Perani ci invita ad un TE’ FOTOGRAFICO che avrà un intrigante argomento ” “PAESAGGIRE”,  guardare è anche vedere? “

Una interessante serata organizzata dal Circolo Fotografico città del Moroni  con le fotografie  di Eras, sabato 15 Settembre prossimo, alle ore 20:45 nella Chiesa di San Bartolomeo in Albino

Lo stesso Autore ce ne parla:

“(…) L’invito è quello di creare un retroscena al paesaggio che viviamo, per riconoscerne gli inconsci meccanismi e da questa consapevolezza trovare un’uscita dal pregiudizio e dal guardare proiettivo.
Uscendo dal “pregiudizio”, ci rendiamo consapevoli del teatro che mettiamo in scena. I colori sulla tavolozza li abbiamo scelti noi con le nostre aspettative e i nostri desideri.
Usciamone “fuori” per essere oggettivi, analizziamo cosa c’è dietro i nostri occhi.
Ma se questo compito fosse impossibile? Se nel paesaggio noi stendiamo sempre aspettative e lui  risponde a come lo guardiamo? Inutile il punto zero, siamo sempre un punto dentro il paesaggio, siamo colorati da lui e lo coloriamo nel medesimo tempo. Quel paesaggio magico, infantile in fondo non lo superiamo mai se non in irrigidite convenzioni adulte, che proprio perché convenzioni divengono “normali”.
Allora la proiezione più che analizzata, va vissuta nell’ottica di essere sempre abitati da moventi inconsci e quindi pilotati da pregiudizi. Ma solo nell’esperire le proiezioni e nel ridiscutersi in piccole comunità si vedrà da più punti di vista.
Non si è più fuori dall’ambiente, intenti ad analizzare come si guarda, ma si è sguardi dentro l’ambiente; la riflessione ci aiuta a cogliere la parzialità ma anche l’energia che il guardare ci dà.(…)”

(www.erasperani.it)

Una ottima occasione per ritrovarci attorno a questa serie di Eras, come lui stesso definisce: “effimera, disadorna, essenziale”.

 

ILMONDODIELIOT (CRISTINA FINOTTO) ospite a CA’ TIEPOLO-PORTO TOLLE (RO) assieme a RACHELE CLAUDIO con ” INQUIETE CURE”

INQUIETE CURE  è il titolo della Mostra fotografica della nostra amica Cristina Finotto (ilmondodiEliot) che espone assieme a Rachele Claudio

La mostra sarà ospitata nei locali dell’Ufficio IAT, a Ca’ Tiepolo – Porto Tolle (RO), e sarà visitabile dal 6 al 9 Settembre, dalle ore 21.

 

Sicuramente un appuntamento da non mancare per tutti gli amici che possono raggiungere Ca’ Tiepolo.

Complimenti alle due autrici!

 

6 foto di CARLO FERRARA formano “L’ IRONIA DEL SELFIE” il nuovo PORTFOLIO on line

Un nuovo Portfolio è stato scelto dal nostro prezioso collaboratore ERAS PERANI  che va ad arricchire lo spazio dedicato su Fotocommunity.it

Si tratta di 6 foto di CARLO FERRARA, riunite in un portfolio dal titolo “L’ IRONIA DEL SELFIE”

La recensione che accompagna le foto è a cura di ERAS PERANI.

Quella del selfie è senza dubbio una delle pratiche più diffuse del nostro tempo, ma Carlo l’ha saputa rendere una “ironica arte”.

Trovo tracce molto interessanti di racconti surreali (a me molto cari) nei lavori di Carlo, ci parla  ironicamente di tutte le cose che incontriamo giornalmente ma che pochi di noi vedono, ce le sottolinea col suo particolare evidenziatore, forte, piccante, malinconico, indelebile.

La sua fotografia può piacere o meno (come tutto del resto) ma sicuramente non possiamo restare indifferenti nel guardare i suoi lavori, e non è poco.

A chi gli chiedeva di spiegare il concept delle sue opere, René Magritte rispondeva: “Essere surrealisti significa bandire dalla mente il déjà-vu e ricercare il mai-visto, tentare l’unione tra due soggetti che nella realtà si escluderebbero” (grazie Cris). Con la fotografia risulta decisamente più arduo, bisogna avere le idee chiare, e , scusate se uso una mia citazione ” la fotografia è un ologramma creato dalla mente” quanto mai calzante per le opere di Carlo. 

Il surrealismo ha molto a che fare con l’ironia, non si spiegherebbero  diversamente certi “punti di vista”, e se  volete ha a che fare anche con  la pazzia, ma è sottilissima la linea che divide la pazzia dalla genialità, e le fotografie di Carlo hanno un sapore geniale.

Carlo scrive sul suo profilo” Amo la fotografia. Mi piace guardare ogni tipo di immagine. Non sono interessato al mezzo fotografico, ma al contenuto  dell’immagine che mi viene proposta.” … concordo.

PS: Consiglierei di visitare tutta la galleria di Carlo Ferrara”

“Piccolo spazio pubblicità ?”@Carlo Ferrara

La selezione di foto per LA GALLERIA DELLO STAFF è in continuo aggiornamento. Nella sezione dedicata visitiamo le nuove selezioni.

La selezione di foto per la GALLERIA DELLO STAFF , nello spazio ad essa dedicato nel Canale TEMI, ha sempre nuovi ingressi, sia in b/ che a vivacissimi colori, di amici di Fc nuovi o di vecchia data.

In questa Galleria accedono le foto che, a discrezione dello Staff, sono considerate particolarmente meritevoli, senza passare dal vaglio del voto di tutti gli utenti, e sono accompagnate da una recensione che ne evidenzi le qualità per le quali sono state scelte.

Gli Autori di questa ultima selezione in ordine di tempo sono:

ANTONIO AMATI, GIORGIO BUSIGNANI, GIANLUCA COSMACINI, LAURA DADDABBO, BRUNO DIVINA, SONJA FRANCESCHETTI, FRANCO FRATTINI, FRANCESCO FUSCO, PAOLO LUXARDO, GIANLUCA MARIANI, PAOLO MUGNAI, ROBERTO ORLANDO, ROSALBA P., GIANPAOLO PEDERSINI, IL VELO SCINTO, TISOGI – GIOVANNI TISOCCO, CRISTIAN VOLPARA.

Complimenti a tutti!

Le selezioni continuano…

 

FLAVIO MORO pubblica la raccolta di racconti “LE OMBRE DEL CREPUSCOLO” e ERAS PERANI firma la fotografia di copertina

FLAVIO MORO è l’autore di una pubblicazione di recente edizione, intitolata  “Le ombre del crepuscolo”,  a cura di Sogni di Carta, 2018 Adelfia, già alla seconda ristampa.

In questo lavoro Flavio non si presenta come fotografo, come qui su Fotocommunity si è fatto conoscere e apprezzare, bensì come scrittore.

Giurie di vari concorsi nazionali e internazionali hanno riconosciuto i racconti di Flavio meritevoli di premi o segnalazioni di merito, ed è anche per questo che l’Autore ha deciso di scegliere undici di questi racconti e di pubblicarli in una raccolta.

L’immagine di copertina è stata scelta seguendo il mood della raccolta, una specie di sottesa fragilità.

L'immagine può contenere: cielo, natura e spazio all'aperto

Le parole di Flavio ci confermano questa impressione:

” La copertina è una splendida fotografia minimalista del fotografo Eras Perani, con la quale ha vinto un importante concorso nazionale. L’ho scelta perché ritrae una foglia avvizzita che, nelle prime nebbie dell’autunno, mentre si rassegna alla caduta naturale verso il suolo, come per miracolo viene trattenuta dai fili sottilissimi di una ragnatela sulla quale danzano piccole gocce di rugiada. È un evidente richiamo alla caducità dell’esistenza, agli attimi del crepuscolo di una vita che viaggia verso un capolinea inesorabile. Un miracolo ne arresta il cammino, tuttavia non servirà a nulla, se non a rinviare l’appuntamento con il destino.”

(cit. da intervista a SOGNI DI CARTA)

Complimenti a Flavio e ad Eras per questo lavoro letterario e fotografico.

La HIGHLY HONORED, prestigioso premio del concorso fotografico internazionale OCEAN VIEWS , di NATURE’S BEST PHOTOGRAPHY negli U.S.A. è andato a una straordinaria foto di ADRIANO MORETTIN.

Osservare la galleria di Adriano Morettin è sempre una garanzia: fotografie di rara bellezza, una natura sottomarina stupefacente per ripresa e rispetto dell’habitat.

E non a caso anche questa foto che Adriano ci presenta è stata premiata, ultima di una lunga serie di immagini che si sono aggiudicate premi in  tutti i concorsi più importanti del settore.

Si tratta della Highly Honored al prestigiosissimo concorso fotografico internazionale Ocean Views di Nature’s Best Photography negli U.S.A.

Il momento ripreso è di per sè memorabile, documentando con la perizia tecnica a cui il nostro Autore ci ha ormai da anni abituati, l’accoppiamento tra una coppia di cavallucci marini della specie Hyppocampus guttulatus nel momento topico in cui la coppia si è elevata dal fondo, dopo una danza di corteggiamento di circa 10 minuti.
Il golfo di Fiume (Rijeka), Croazia, nel mare Adriatico, è stato il luogo in cui è stata ripresa la scena, nell’ Agosto 2017.

Complimenti infiniti ad Adriano, con tutta la nostra ammirazione.

GIORGIO MONTANI, CARLO RIGOGLIOSO E ANN MARI CRIS ASCHIERI sono i vincitori della MINIGARA di LUGLIO 2018 a tema : DINAMISMO

La MINIGARA DI LUGLIO 2018  che  ha avuto come tema DINAMISMO è conclusa.

Allo scadere del termine per la votazione degli amici partecipanti  Angelo Facchini, il nostro curatore,  ha reso nota la classifica delle 3 immagini vincitrici che  verranno pubblicate in home. Il passaggio in home è previsto se le foto non ci sono mai andate per altri motivi.

Al primo posto per preferenze la foto di GIORGIO MONTANI

con titolo “Scacco matto!!!” nella quale la fissità della scena di una partita a scacchi, fa da contraltare alla dinamicità, calibratissima,  del gesto, in un ottimo b/n

Al secondo posto: “La volata” di CARLO RIGOGLIOSO  in un magnifico b/n che documenta un momento topico di una gara di ciclismo

Al terzo posto sul podio: “MARE AMORE MIO” di ANN MARI CRIS ASCHIERI che fonde leggerezza e sentimento, in una immagine evanescente e efficacissima

 

Complimenti a tutti i partecipanti e ai tre vincitori!

E’ di SONJA FRANCESCHETTI il nuovo PORTFOLIO on line : “IMMAGINARIO, FEMMINILE SINGOLARE”

Un nuovo Portfolio è stato scelto dal nostro prezioso collaboratore ERAS PERANI  che va ad arricchire lo spazio dedicato su Fotocommunity.it

Si tratta di 6 fotografie della nostra SONJA FRANCESCHETTI a cui abbiamo dato il titolo ” Immaginario, femminile singolare”

 Le parole di ERAS  che accompagnano il Portfolio sono una fulminante istantanea della sua cifra sospesa tra sofisticato  intimismo e alti riferimenti:

Sonia Franceschetti, conoscendola non si direbbe. Nella sua fotografia sa graffiare, a volte in modo ironico ricordandoci magari Elliott Erwitt, altre volte è più sofisticata … un po’ alla Franceschetti.

Si trovano tracce inconsapevoli (come d’altronde in tutta la fotografia) di grandi fotografi, da Dombrowski a Burri, da Mulas alla Maier, ma alla fine resta la fotografia di Sonia, caratterizzata dal suo tratto deciso per raccontarci storie, a mio parere, vissute anche in prima persona. Cos’è la fotografia se non un autoritratto del fotografo dove possiamo leggervi la sua storia, le sue emozioni, trasposte in immagini viste solo dall’autore, nel caso specifico dall’autrice.

La fotografia di Sonia è uno degli esempi più evidenti di questo modo di vedere, (non a caso usa quasi esclusivamente il bianco e nero) lei ci racconta e si racconta a tutto tondo nelle sue immagini, portandoci in quel posto chiamato “immaginario” dove tutti i fotografi dovrebbero cercare di andare.