“INCERTITUDE” di LAURA DADDABBO scelta tra le altre, per il lancio della call internazionale “Freedom  – Life after in the time of Coronavirus”

Roma Fotografia ha scelto, assieme a foto di altri autori  anche una  fotografia della nostra amica LAURA DADDABBO “Incertitude”, pubblicata  già da tempo su Fc,  per il lancio della nuova call internazionale Freedom  – Life after in the time of Coronavirus  organizzata da Roma Fotografia in collaborazione con IL FOTOGRAFO, TWM Factory, Bresciani Visual Art, Camera Service Centro Autorizzato Canon Roma e The Walkman Magazine, con il supporto del Festival della Fotografia Etica.

Il focus è esplorare il concetto di libertà e avviare una riflessione sul significato di questa parola, per capire in che modo i cambiamenti dovuti alla diffusione del Coronavirus abbiano stravolto percezioni e priorità, costringendoci a riconsiderare ciò che prima era semplice e scontato.

L’immagine della nostra Laura è la stessa presente negli articoli  delle riviste specializzate   IL FOTOGRAFO THE MAMMOTH REFLEX che  riprendono il lancio dell’evento.

Seguiamo con ammirazione il percorso di Laura, felici per i suoi meritati riconoscimenti.

ADRIANO PERANI, GIORGIO MONTANI E ANDY KAJA VINCONO LA MINIGARA DI DICEMBRE A TEMA “STAGIONI”

La MINIGARA DI DICEMBRE con tema “Stagioni” si è appena conclusa con la votazione degli amici che vi hanno partecipato. Il conteggio dei voti da parte del nostro curatore   ANGELO FACCHINI  coadiuvato dall’amico MAURIZIO MARTELLA ha decretato le foto vincitrici.

Le prime tre foto classificate verranno pubblicate in home. Il passaggio in home è previsto se le foto non ci sono mai andate per altri motivi (vedi, per esempio, la promozione in galleria).

Al primo posto la foto “Nebbie invernali” di ADRIANO PERANI  in cui ogni piccolo particolare contribuisce a fare un quadro dell’inverno, ammantato a tratti di nebbia, con  colori  smorzati dal bianco latte che libera qualche cromia per rivelare il paesaggio.

Al secondo posto “Novembre” di GIORGIO MONTANI con le sue foschie che nascondono ogni asperità del panorama in una splendida interpretazione della stagione fredda.

Al terzo posto “Falling – 1” di ANDY KAJA una preziosa visione, interpretazione delicata e intimista, come i colori sontuosi e leggeri, dalla resa serica.

Complimenti a tutti i partecipanti e ai nostri tre bravissimi vincitori!

FOTOCOMMUNITY È PIÙ CHE MAI ACCANTO A TUTTI I NOSTRI AMICI, PER UN ANNO CHE VERRÀ, SICURAMENTE MIGLIORE

E’ difficile scrivere di Auguri e di Festività, alla fine di un anno che è stato  dannato per tanti e poco generoso, ostile per tutti.

Allora bisogna guardarsi intorno e ridare il giusto valore a ciò che abbiamo, lasciando al futuro l’augurio di ottenere ciò che vorremmo.

Fotocommunity è più che mai accanto a tutti i nostri amici, per un anno che verrà, sicuramente migliore

 

@Gregorio Tommaseo

 

 

Tante novità per la GALLERIA dei nostri utenti, un procedimento più snello ed un voto più accessibile

La GALLERIA è il nostro luogo virtuale dove vengono  esposte le foto migliori così come votate dagli utenti di Fotocommunity e da pochissimo ha una veste tutta nuova, più intuitiva e descrittiva, e nello spazio dedicato alle votazioni è presente ogni novità, per snellire il voto.

Lo spazio dedicato alle votazioni si trova sempre cliccando la voce “più” nel menù orizzontale  di fotocommunity.

 

Ora l’accesso alle votazioni e alla Galleria è possibile anche direttamente attraverso le singole sezioni

 

Nel profilo di ogni utente  appare una  lista delle proprie  foto premiate 

– la galleria “foto popolari” può ora essere filtrata per categorie:

Sarà sempre più piacevole e facile votare!

 

DANILO MASSI presta le sue immagini ai versi di ILARIA PACELLI, per “L’ ALFABETO DEL BUIO” edizioni LIETO COLLE

Le EDIZIONI LIETO COLLE sono nostro partner dal 2014 per la pubblicazione di volumi di poesie, corredati da immagini dei nostri utenti. 

L’ultima collaborazione in ordine di tempo, edita da qualche giorno, è quella che vede il nostro amico DANILO MASSI firmare 21 foto per il volume di versi L’ ALFABETO DEL BUIO di ILARIA PACELLI

“Le fotografie di Danilo Massi, a questo proposito, sono una scelta allo stesso tempo felice e azzardata: forse fin troppo consone al dettato poetico, risvegliano però un supplemento di interrogazione, nella convivenza sia dell’una che dell’altra esperienza artistica”

“Le immagini costituiscono uno straordinario impianto, in costante e proficuo dialogo con la parola autoriale” (Augusto Pivanti)

Danilo Massi  è regista, attore e fotografo. Figlio del regista Stelvio Massi. Ha firmato nel 1979 il suo primo film da regista Ciao cialtroni!, candidato al Nastro d’Argento 1980 come opera prima. Lo stesso anno vince il primo premio al Festival di Giffoni nella rassegna collaterale I problemi dei giovani nella cinematografia contemporanea. Ben dieci anni più tardi ha girato il suo secondo lungometraggio Una notte chiara, e nel 1994 ha firmato come Daniel Stone il suo terzo film per il cinema: Il sesto giorno – La vendetta, un action movie distribuito per il mercato estero.

Su questo sito conosciamo e ammiriamo Danilo per la sua cifra fotografica, fatta di rigore formale che poco concede ad orpelli estranei al suo background culturale, di chiaro scuri affilati e palpitanti, di rimandi concettuali profondi.

Le 21 immagini presenti nel volume (qui di seguito un estratto) ne sono un ispirato esempio, splendide e eloquenti, nella loro affascinante interpretazione.

 

Complimenti!

E’ di MICHELA SCRIVANTI la foto “NEVE”, nuovo ingresso nella GALLERIA DELLO STAFF

“NEVE”è la foto di MICHELA SCRIVANTI   che è entrata nella GALLERIA DELLO STAFF

Complimenti!

La neve splende nel suo biancore abbagliante, soffice, scolpita dalle ombre azzurrine di una luce radente. Il cielo accoglie i riverberi della luce e li rimanda ripetendo gli stessi colori. A  movimentare dinamicamente il momento idilliaco, di un inverno iconografico,  i legni conficcati nel terreno bianco che si trasformano in pennellate veloci, piccoli aghi marroni che puntano a bucare il cielo, e diventare punto di congiunzione.
E’ un paesaggio trasfigurato, seguendo la scansione dello spazio ritmata dalla successione dei legni, un luogo vuoto di presenze umane, ma pieno di silenzi che trovano eco in ogni piccola impronta azzurra.

Nuovo ingresso nella GALLERIA DELLO STAFF: “ESTREMI” di PAOLO BARBARESI

Nuovo ingresso nella nostra  GALLERIA DELLO STAFF: “estremi” di PAOLO BARBARESI

“In ambedue  i fotogrammi c’è un campo nero che attira lo sguardo per farlo smarrire nelle pieghe del manto e dello sfondo, o nella terra più profonda. Si concentra poi un punto bianco a schiarire questa ombra, diventando un viso dalla lacrima truccata come una foglia, espandendosi poi verso destra,  diventando cielo aperto, movimentato appena da qualche strascico di nuvola. 
Ecco la contaminazione, che nasce dalla corrispondenza capovolta di tonalità e simboli. La donna allora è un albero, dall’unica foglia che si ferma prima di staccarsi, e l’albero è la presenza solitaria che si è spogliata del manto nero della terra, proprio lo stesso nero dello scialle  e dello sfondo.”

Complimenti!

“angel” di LAURA DADDABBO è il nuovo ingresso nella GALLERIA DELLO STAFF

La GALLERIA DELLO STAFF conta un nuovo ingresso, la splendida ” angel”  di LAURA DADDABBO 

Il formato verticale è un necessario confine  che esclude alla vista tutto ciò che non riguarda la donna, il suo ripiegarsi su se stessa, provocando l’ondulato movimento dei capelli, una ulteriore divisione a protezione del suo viso e del suo corpo, custodi concettuali della sua anima.
Si presenta come una farfalla che vorrebbe tornare crisalide, protetta dal velo come da una delicata e fragile barriera.
I colori chiari, dalle tonalità calde, lo stesso pavimento color legno, l’abbigliamento leggero,  sorreggono una lettura della immagine lontana da un concetto drammatico, piuttosto propende verso un senso di raccoglimento malinconico, venato, proprio grazie alle sfumature calde, da un dolcezza sottesa e persistente.
Questa volta Laura non pone l’attenzione sul legame simbiotico tra le sue interpreti e l’ambiente, lascia invece che ogni  comunicazione sia concentrata sulla espressività intensa, sul gesto come messaggio siilenzioso ma eloquentissimo, e sul sublime impiego della luce, rassicurante e destabilizzante assieme. 
Un istante che diventa simbolo e narrazione intima.
Complimenti

La MINIGARA DI NOVEMBRE ha ben 4 vincitori: LUIGI BOERIS, ANDY KAJA, ISABELLA BERTOLDO E ROBERTO 1950

La MINIGARA DI NOVEMBRE con tema “Fantasie creative” si è appena conclusa con la votazione degli amici che vi hanno partecipato. Il conteggio dei voti da parte del nostro curatore   ANGELO FACCHINI  coadiuvato dall’amico MAURIZIO MARTELLA ha decretato le foto vincitrici.

Le prime tre foto classificate verranno pubblicate in home. Il passaggio in home è previsto se le foto non ci sono mai andate per altri motivi (vedi, per esempio, la promozione in galleria).

Questa la classifica delle prime  quattro posizioni, questo mese infatti c’è un pari merito sul gradino più alto del podio:

 

 

“Pterodattili sul Po” di LUIGI BOERIS  immaginifica visione dai colori splendidi e dalla realizzazione  magistrale

 ” “Rapita” dal mare e dalla luna”di ANDY KAJA l’intensità di un giovane, bellissimo  viso di donna attraversato da  un paesaggio marino.

Al secondo posto “…le pieghe dell’animo…” di ISABELLA BERTOLDO  dalla morbidissima base e  forma in primo piano con il b/n che sintetizza una composizione raffinata

Al terzo posto “Ombre” di ROBERTO1950 , personaggi fiabeschi prendono vita dalle ombre, in un equilibrio cromatico con la luce

Complimenti a tutti i partecipanti e ai nostri quattro vincitori!